“Comportamento inaccettabile”: Allegri ‘semina’ il caos dopo Inter-Juve

0
41

Per la Juventus deve essere una settimana di svolta dopo il ko con l’Inter che ha gettato acqua sul fuoco del sogno tricolore bianconero.

Una sconfitta di misura sul piano del risultato ma netta, per quanto si è visto in campo. Con grande sportività bisogna sottolineare la prova della capolista, che ha dimostrato di avere ancora un vantaggio importante sulle rivali per lo scudetto. E non solo in classifica.

"Comportamento inaccettabile": Allegri 'semina' il caos dopo Inter-Juve
Massimiliano Allegri (LaPresse)

La Juventus comunque non deve certo mollare la presa, del resto la formazione di Allegri non era certo la candidata numero uno per il titolo. E poi ci sono ancora tante partite e le sorprese potrebbero non mancare. Rialzarsi subito contro l’Udinese è necessario per rimanere nei quartieri alti.

Juventus, Bargiggia critica Allegri dopo il ko di San Siro

Il punto finale sul campionato della Juventus si farà ovviamente alla fine del torneo, ma c’è fiducia sul fatto che la squadra possa tagliare il traguardo della qualificazione in Champions League. La società dovrà valutare il lavoro di Allegri, anche se come ha spiegato a TvPlay.it il giornalista Paolo Bargiggia, c’è fiducia nell’allenatore ma anche la consapevolezza di poter fare meglio, cercando di colmare il gap con l’Inter.

"Comportamento inaccettabile": Allegri 'semina' il caos dopo Inter-Juve
Rabiot e Darmian durante Inter-Juventus (LaPresse)

Tuttavia lo stesso Bargiggia non ha fatto mancare le critiche al tecnico. “Contro l’Inter si può perdere, ma non è possibile non fare neanche un tiro in porta. Questo lo reputo inaccettabile” ha sottolineato. Il giornalista sottolinea la capacità di far giocare i giovani, ma non mancano le critiche. “Non si vede mai il coraggio di Allegri. A San Siro ha sostituito Yildiz per mettere Chiesa, ma io avrei messo in campo il tridente visto che stavano perdendo. Almeno si dava l’idea di averci provato. Ha messo Alex Sandro e non Iling Jr. che magari poteva dare qualche strappo in più in fase offensiva” sono le sue parole.