Allegri saluta la Juventus e se ne va: si conoscono già le cifre

0
3669

Allegri saluta la Juventus e se ne va, Giuntoli a quanto pare ha le idee chiare su chi possa prendere il posto del tecnico. 

Nel giro di un mese – anzi di un paio di settimane – nel mondo del calcio possono cambiare molte cose. E non lo scopriamo certo adesso. Se fino a trenta giorni fa la posizione di Massimiliano Allegri appariva solidissima, con la sua Juventus imbattuta da settembre e a pochi punti dall’Inter capolista, dopo la sfida con l’Udinese di ieri sera la panchina del tecnico livornese è tornata a traballare.

Allegri saluta la Juventus e se ne va: si conoscono già le cifre
Allegri – Juvelive.it (Lapresse)

No, ovviamente Allegri non rischia l’esonero. Ma è probabile che si sia giocato una “fetta” di riconferma in seguito alla deludente prestazione con i friulani, che ha fatto precipitare i bianconeri a -7 dall’Inter (che deve peraltro recuperare ancora una gara). La proprietà ha fiducia in lui ma se dovesse terminare la stagione a mani vuole – anche la vittoria della Coppa Italia potrebbe non bastare – non è da escludere che le strade sue e della Signora si separeranno. Stavolta per sempre (forse).

Allegri saluta la Juventus e se ne va, Momblano: “Motta la prima opzione”

L’allenatore bianconero ha ancora un anno di contratto. Gli piacerebbe onorarlo, in modo da portare a compimento il progetto iniziato nell’estate 2021 ma non dipenderà solo da lui.

Sì, perché dopo ieri sera la proprietà ha iniziato a fare alcune riflessioni. Lo stesso Giuntoli, a quanto pare, ha iniziato seriamente a pensare ad un successore. Secondo il giornalista Luca Momblano, intervenuto alla trasmissione Juventibus su Twitch, salgono prepotentemente le quotazioni di Thiago Motta, attuale tecnico del Bologna e da sempre pallino di Giuntoli. “Nella sua testa – ha detto Momblano parlando del direttore sportivo – é la prima opzione direi con distacco. In questo momento però non é chiaro se questa decisione spetterà a Giuntoli. Riconferma di Allegri ad oggi al 43,9%”.