Allenatore Juventus della stagione 2024/25, nero su bianco: ci sono già le cifre

0
22828

Allenatore Juventus della stagione 24-25: nero su bianco. Sono spuntate fuori anche le cifre. Ecco chi guiderà i bianconeri l’anno prossimo 

Il futuro di Massimiliano Allegri è tutto da scrivere. Sotto contratto ancora per un anno e mezzo – scadenza fissata al 30 giugno del 2025 – il livornese non sa ancora se il prossimo anno sarà il tecnico dei bianconeri. Di certo chi credeva che questa squadra potesse tenere testa all’Inter per la vittoria dello scudetto deve mettersi l’anima in pace: i nerazzurri, purtroppo, sono di un’altra categoria.

La Juve cambierà: "I tifosi dovranno farsene una ragione"
Cristiano Giuntoli (LaPresse) – Juvelive.it

Di certo però ci si poteva aspettare di più nelle ultime uscite bianconere. Un punto in tre partite è un bottino misero, soprattutto pensando che, in casa, la Juve ha giocato contro Empoli e Udinese. Insomma, come un ciclo continuo, si parla anche di un addio alla fine della stagione di Max. E chi potrebbe essere il successore? Andiamo a scoprirlo insieme. Ci sono i numeri

Allenatore Juventus, Conte al posto di Allegri

I numeri ovviamente sono quelli dei bookmaker, in questo caso di Goldbet. Che iniziano a mettere nel proprio palinsesto, appunto, chi potrebbe guidare la squadra il prossimo anno. Il favorito rimane Allegri, che è dato a 1,40 volte la posta. Ma subito dopo si piazza Antonio Conte che secondo gli esperti è vicino ad un clamoroso ritorno, visto che si gioca a 3 volte la posta.

Allenatore Juventus della stagione 2024/25, nero su bianco: ci sono già le cifre
Conte e Del Piero (AnsaFoto) – Juvelive.it

E poi? E poi in questo ultimo periodo si è parlato e anche molto di Thiago Motta, attuale allenatore del Bologna: bene, l’oriundo è in lavagna a 6 volte la posta. Poi, a 8, ci sono De Zerbi e Xabi Alonso che chiudono le prime cinque posizioni e, a 12 volte quello che si potrebbe scommettere, c’è Farioli, l’italiano alla guida del Nizza. Vedremo, ovviamente, quello che succederà nelle prossime settimane. Con la sensazione, però, che tutto davvero potrebbe succedere da qui a giugno.