Conte si incontra con il dirigente: svolta immediata e nuova panchina

0
76

Conte si incontra con il dirigente, il tecnico salentino potrebbe tornare presto su una panchina di un importante club. 

Cosa farà Antonio Conte l’anno prossimo? Tornerà ad allenare oppure prolungherà l’anno sabbatico? Una domanda che si pongono in tanti, soprattutto i tifosi di quelle squadre che molto probabilmente non confermeranno i rispettivi tecnici l’anno prossimo. Da mesi si parla ormai di un possibile ritorno dell’allenatore salentino alla Juventus, che ha già guidato nel glorioso triennio 2011-2014, mettendo le basi per l’epopea dei nove scudetti.

Conte si incontra con il dirigente: svolta immediata e nuova panchina
Conte – Juvelive.it (Lapresse)

Nel 2019, cinque anni fa, in pochi tra gli aficionados bianconeri gradirono il matrimonio con l’Inter, acerrima rivale della Signora, che Conte riuscì a riportare sul tetto d’Italia. Un “tradimento” che, tuttavia, gli verrebbe certamente perdonato se dovesse decidere di fare ritorno a casa, la sua Torino, città in cui ha vissuto gran parte della sua carriera da calciatore e dove tutt’ora vive con la sua famiglia. Se la Juventus dovesse dare il benservito a Massimiliano Allegri è ovvio che penserebbe anche a lui, ma dovrà fare attenzione alla concorrenza di numerose squadre della Premier League, tra cui il Manchester United.

Conte si incontra con il dirigente, rendez-vous con Ibra

Non è detto, però, il futuro di Conte sia ancora in Inghilterra. Il tecnico leccese preferirebbe restare accanto ai suoi affetti e valuterà anche le proposte che arriveranno dalla Serie A.

Sulle sue tracce, oltre alla Juventus, ci sarebbe anche il Milan, che nella prossima stagione, a meno di cambiamenti di programma, ripartirà con un nuovo allenatore. L’era Pioli sembra ormai agli sgoccioli ed i tifosi rossoneri invocano a gran voce il nome di Conte. A tal proposito, secondo quanto affermato da Luca Cohen a ControCalcio.com, sarebbe in programma un incontro tra Zlatan Ibrahimovic, diventato a tutti gli effetti un dirigente in casa Milan dopo l’addio al calcio giocato, ed il tecnico ex Juve e Inter.