Juventus, osservatori al lavoro a Bergamo: tre nel mirino

0
46

Ci stiamo avviando alle fasi cruciali di questo campionato di serie A con la Juventus che oggi sarà ospite del Napoli.

La formazione allenata da Massimiliano Allegri è attesa da un duro confronto sul campo dei partenopei. Finora i campioni d’Italia in carica non può deluso le aspettative, visti i risultati conquistati e il cambio di ben due allenatori. Tuttavia Osihmen e compagni hanno tutte le carte in regola per battagliare alla pari con i bianconeri.

Juventus, osservatori al lavoro a Bergamo: tre nel mirino

La Juventus dal canto suo deve continuare a marciare verso quello che rappresenta l’obiettivo minimo stagionale da raggiungere. Troppo importante riuscire a staccare il pass per la prossima edizione della Champions League. Sia da un punto di vista sportivo che da quello economico, visti gli introiti che la partecipazione a questo torneo garantisce. Soldi che serviranno alla Juventus anche per rinnovare un parco giocatori che dovrà avere l’ambizione di vincere sia in Italia che in Europa.

Juventus, osservatori a Bergamo per Koopmeiners, Ferguson e Calafiori

La Juventus ha bisogno di ritocchi in tutte le zone del campo e per questo motivo il direttore sportivo Cristiano Giuntoli sta setacciando il mondo intero alla ricerca di quei giocatori che potrebbero essere utili alla causa. Quel che è certo è che la Juventus serviranno soprattutto rinforzi in mezzo al campo. Ma non solo.

Juventus, osservatori al lavoro a Bergamo: tre nel mirino
Koopmeiners rimane un obiettivo della Juventus (LaPresse)

Su x il giornalista Nicolò Schira ha rivelato che oggi ci saranno degli emissari della società bianconera allo stadio Gewiss di Bergamo. La missione è quella di seguire da vicino tre giocatori che la Juventus potrebbe portare a Torino in vista della prossima stagione. Il primo è Koopmeiners dell’Atalanta, centrocampista che ha anche il gol nel sangue e che ormai da anni ha un grande rendimento. Per quanto riguarda il Bologna invece i fari saranno puntati sul centrocampista Ferguson e sul difensore Calafiori. Elementi cresciuti a dismisura sotto la guida di Thiago Motta.