Raspadori segna, tribuna d’onore contro Giuntoli: polizia in Napoli-Juve

0
463

Raspadori segna, tribuna d’onore contro Giuntoli. La sfida tra Napoli e Juventus si è conclusa nella maniera peggiore. E facilmente prevedibile.

Napoli-Juventus rappresenta sempre un appuntamento unico, particolare e dai mille significati, per i tifosi napoletani.

Tribuna d’onore contro Giuntoli
Tribuna d’onore contro Cristiano Giuntoli (Foto LaPresse) Juvelive.it

In questa stagione, poi, quasi mancassero gli ‘storici’ argomenti di attrito, tanto cari ai partenopei, ci si è messo anche l’addio dell’ex direttore sportivo Cristiano Giuntoli che ha ‘osato’ lasciare il Napoli per approdare lì dove non sarebbe mai dovuto andare: alla Juventus.

Non conta ormai più nulla che il dirigente toscano sia stato l’artefice, insieme all’altro toscano, il tecnico Luciano Spalletti, dello scudetto che è ritornato a Napoli trentatré anni dopo.

Ormai è diventato il direttore tecnico della Juventus. E’ passato dall’altra parte, dalla parte del ‘torto’, comunque la si voglia interpretare. L’aver confessato poi di essere da sempre tifoso della Vecchia Signora è stato come recitare il suo ‘De profundis’.

Napoli-Juventus di domenica sera ha rappresentato il suo ritorno da avversario nello stadio partenopeo. A maggio l’aveva lasciato in un clima di festa, osannato come non mai. Ora lo stesso stadio l’ha accolto in maniera un po’ diversa.

Raspadori segna, tribuna d’onore contro Giuntoli

In tanti hanno probabilmente atteso il momento giusto per lanciare attacchi verbali poco gentilì nei riguardi del dirigente bianconero.

Napoli-Juventus
Napoli-Juventus (Foto LaPresse) Juvelive.it

Un post sul profilo X di GOAL Italia ci fa sapere che il momento giusto, diversi ‘tifosi’ del Napoli, lo hanno, alla fine, trovato: “Giuntoli preso di mira al Maradona dopo il 2-1 di Raspadori: deve intervenire la Polizia“. Quel che stupisce, in questa spiacevole circostanza, è lo stupore.

Davvero qualcuno immaginava che avrebbero battuto le mani ad uno dei protagonisti assoluti del terzo scudetto napoletano? Le parole della viglia pronunciate dal presidente Aurelio De Laurentiis riguardanti la richiesta di escludere la Juventus dal Mondiale per club non hanno rappresentato certo un cordiale benvenuto alla formazione avversaria.

A Napoli è accaduto un episodio spiacevole che sarebbe potuto accadere in tutti gli stadi italiani. Magari questa volta, però, si eviti di dire che lo sfottò o l’ironia fanno parte del ‘folklore napoletano’. Gli attacchi personali sono attacchi personali ovunque, da Messina a Bolzano. Napoli inclusa. E se si evitano ci guadagnano tutti.