Juventus, flop Allegri: striscia negativa, cosa dicono i numeri

0
52

La Juventus vuole cancellare al più presto l’ultimo sconfitta patita contro il Napoli e rianciare le proprie ambizioni di classifica.

Nelle ultime partite disputate il bottino raccolto dalla formazione di Massimiliano Allegri è stato misero. I bianconeri hanno dovuto dire addio alla possibilità di lottare per lo scudetto e adesso hanno la missione principale di riuscire a difendere la seconda piazza in classifica.

Juventus, flop Allegri: striscia negativa, cosa dicono i numeri
Massimiliano Allegri (LaPresse)

Troppo importante qualificarsi nelle prime posizioni e staccare così il biglietto per la partecipazione alla prossima edizione della Champions League. Un traguardo fondamentale non solo dal punto di vista sportivo ma soprattutto da quello economico. I soldi derivanti dalla partecipazione al torneo infatti servono alla Juventus per allestire una grande squadra per la prossima stagione. Servono dei volti nuovi in tutti i reparti e per questo motivo il direttore sportivo Giuntoli necessita di fondi per portare a termine le trattative nel corso della prossima estate.

Juventus, difesa in affanno: servono volti nuovi

Per colmare il gap con l’Inter, padrona indiscussa di questo torneo di serie A, ci sarà bisogno di fare diversi acquisti. E chi pensa che per prima cosa debba essere rinforzato il centrocampo si sbaglia di grosso. Perché anche in difesa c’è la necessità di volti nuovi, lo confermano anche le statistiche relative a questo campionato.

Juventus, flop Allegri: striscia negativa, cosa dicono i numeri
Danilo (LaPresse)

La Juventus è spesso etichettata come una squadra “difensivista”, comunque attenta a difendere la propria porta. Ma ha subito gol nelle ultime sei partite disputate, una striscia negativa non certo da grande squadra, quantomeno una squadra che deve lottare per traguardi importanti. Complici anche degli infortuni, Allegri ha dovuto cambiare diversi titolari e questo ha un po’ pesato sui meccanismi difensivi. Si attende un repentino cambio di rotta, poi in estate si faranno le valutazioni del caso sugli innesti da portare a Torino.