Primi posti in classifica a rischio: deferimento e incubo penalizzazione

0
44

L’incubo penalizzazione serpeggia tra i membri della società ed i tifosi: è stato un fulmine a ciel sereno.

È ancora tutto un po’ confuso, ma è già chiaro che si sia trattato di un fulmine a ciel sereno. Di un provvedimento del tutto inaspettato. Ma procediamo con ordine.

Primi posti in classifica a rischio: deferimento e incubo penalizzazione
LaPresse – ilveggente.it

Tutto è iniziato, sebbene la bomba sia esplosa solo nelle scorse ore, per il motivo che meglio comprenderemo a breve, il 18 dicembre scorso. Entro quella data le società erano tenute ad effettuare dei versamenti relativi al decreto salva-calcio, ma non tutti avrebbero ottemperato correttamente ai propri doveri.

Il tribunale federale nazionale, nella giornata di ieri, ha ampiamente dibattuto del deferimento di una di queste società: il Taranto Football Club 1927. Il deferimento sarebbe dovuto a delle problematiche di carattere tecnico-informatico che avrebbero causato dei problemi al momento di generare la documentazione. Il rischio, quindi, è quello di incorrere in delle sanzioni.

Penalizzazione, che paura: in attesa del verdetto

Il Taranto, con un comunicato, ha ritenuto opportuno sottolineare che la società non ha alcun debito con i tesserati o con gli enti previdenziali e fiscali. Il che fa ben sperare circa l’esito del giudizio.

Primi posti in classifica a rischio: deferimento e incubo penalizzazione
Instagram

Ha stupito, più di ogni altra cosa, il “tempismo” di questa notizia. La squadra era appena salita al terzo posto della classifica, complice il successo nel derby con la Virtus Francavilla, motivo per il quale si tratta di un momento piuttosto concitato, all’insegna dell’entusiasmo. A maggior ragione, i tifosi attendono notizie con grande impazienza e sperano, soprattutto, che la società non incorra in alcuna penalizzazione in classifica.

Il Taranto, naturalmente, ha già presentato ricorso contro la prospettiva del provvedimento. La società si è affidata all’avvocato Chiaccio e ne sapremo di più, di sicuro, nelle prossime ore.