“L’allenatore della Juventus non può dirlo”: bufera Allegri, la frase ‘incriminata’

0
46

Allegri nella bufera: “Non lo può dire”. Ecco la frase incriminata riferita dal tecnico della Juventus alla fine del match contro l’Atalanta

Ieri la Juventus ha pareggiato contro l’Atalanta. Un’altra partita giocata male da parte dei bianconeri, soprattutto nel primo tempo. Poi nella ripresa i bianconeri hanno avuto una reazione di orgoglio, riuscendo a ribaltarla. Però rimane il risultato, purtroppo. Allegri alla fine del match ha detto che la sua squadra ha comunque guadagnato un punto sul Bologna, quarto in classifica, rivendicando tutto quello che lui e i suoi uomini hanno fatto fino al momento.

"L'allenatore della Juventus non può dirlo": bufera Allegri, la frase ‘incriminata’
Massimiliano Allegri (Lapresse) – Juvelive.it

Ma questo non è piaciuto, a nessuno. Nemmeno agli ex juventini e soprattutto a chi ha vinto con la maglia bianconera addosso. In questo caso parliamo di Fabrizio Ravanelli, che ha parlato durante il programma approfondimento Pressing, in onda su Mediaset.

Allegri nella bufera: “Ha sbagliato”

“Secondo me da allenatore della Juventus non può farlo. Secondo me ha sbagliato Max. Non può dire che abbiamo guadagnato un punto sul Bologna. Lui allena la Juventus, secondo me ha sbagliato. Un messaggio anche all’interno dello spogliatoio non doveva mandare”. Queste le parole di Ravanelli, ovviamente riferite a quelle di Allegri. No, non sono proprio passate inosservate queste dichiarazioni dell’allenatore livornese, che rimane uno dei più criticati nella storia della Juventus soprattutto per questo triennio dove la sua squadra fino al momento non ha vinto nulla.

"Futuro? Motta o Conte"
Fabrizio Ravanelli (Lapresse) – Juvelive.it

C’è la Coppa Italia da conquistare, con una semifinale contro la Lazio (doppia) da affrontare. Sarebbe un risultato importante e vorrebbe dire portare a casa un trofeo dopo due anni. E poi c’è da conquistare l’accesso alla prossima Champions League. Fin quando non c’è la matematica non si può festeggiare nulla, soprattutto in un momento come questo dove la squadra sembra essere in evidente difficoltà.