“Tornato alla Juve non aveva né armadietto, né posto auto”: annuncio choc

0
36

“Tornato alla Juve non aveva né armadietto, né posto auto”. Dichiarazioni che sorprendono se si pensa poi a chi si riferiscono.

Quando si è in prossimità di una pausa dovuta alle nazionali occorre prestare la massima attenzione alle dichiarazioni ufficiali, e non, che filtrano dai vari ritiri al di qua ed al di là dell’oceano.

"Tornato alla Juve non aveva né armadietto, né posto auto"
“Tornato alla Juve non aveva né armadietto, né posto auto” (Foto LaPresse) Juverlive.it

Una volta dismessa la maglia della società di appartenenza ed indossata quella della propria nazionale, i giocatori si abbandonano spesso ai pensieri più reconditi e sinceri. Almeno così appare, salvo poi fare, altrettanto spesso, repentina retromarcia quando si rendono conto che la loro apparente sincerità si è spinta forse un po’ troppo oltre.

In quei casi è fin troppo facile prendersela con il giornalista che non ha compreso bene il senso delle parole o, addirittura, che le abbia riportate in maniera errata nel suo articolo. Dopo la ventinovesima giornata di campionato arriverà la sosta delle nazionali, ma prima della sosta sono arrivate alcune dichiarazioni da oltre oceano. Oceano Atlantico.

Ha parlato, infatti il commissario tecnico della nazionale statunitense, Gregg Berhalter. Ha parlato anche di un suo giocatore che in Italia conosciamo molto bene: Weston McKennie. E sul centrocampista della Juventus ne ha dette di cose.

“Tornato alla Juve non aveva né armadietto né posto auto”

La stagione di Weston McKennie ha i connotati che rispecchiano fedelmente il momento che sta attraversando la Juventus dove sfortuna, improvvisazione ed un pizzico di buona sorte si mescolano in modo incomprensibile.

Weston McKennie
Weston McKennie (Foto LaPresse) Juverlive.it

Dopo la sfortunata parentesi al Leeds United, in Premier League, il centrocampista statunitense, nel luglio scorso, è ritornato alla Juventus. Esattamente a questo periodo ha fatto chiaro riferimento il c.t. degli USA.

Weston quando è tornato alla Juventus non aveva né armadietto né posto auto. La maggior parte dei calciatori avrebbe cambiato squadra, lui è rimasto per dimostrare che poteva farcela“, queste le parole di Gregg Berhalter riprese da sport.sky.it.

Una stagione in cui il 26enne centrocampista ha dimostrato, per il commissario tecnico a stelle e strisce, di essere il migliore centrocampista della Juventus ed uno dei migliori dell’intero campionato italiano. Weston McKennie rappresenta davvero la cartina al tornasole di un’altra stagione, in bianco e nero, della Juventus.