Francesca Tajè, magari esistesse: un po’ di Dybala e un po’ di Del Piero

0
29

A Francesca Tajè piace evidentemente sognare in grande e questo è il risultato: magari ne esistesse uno così!

Lei è bianconera sia dentro che fuori. Non a caso, ha delle reazioni talmente sentite, durante le gare casalinghe, che non è raro che i cameraman in azione allo Stadium indugino su di lei. Non fosse altro perché, appunto, è una delle tifose più accanite della Juventus.

Francesca Tajè, magari esistesse: un po' di Dybala e un po' di Del Piero
Francesca Tajè (Instagram) – juvelive.it

Il suo nome è Francesca Tajè e chi ama la Vecchia Signora come lei quasi sicuramente la conoscerà già. E anche piuttosto bene. Bene come lei conosce il mondo del calcio, il suo sport del cuore. È così preparata in materia che, nelle scorse ore, RDS Next l’ha invitata a partecipare, in una clip che è stata diffusa sui social network, ad un giochino molto divertente. Le è stato chiesto, cioè, di creare il giocatore perfetto mettendo insieme vari pezzi di calciatori realmente esistenti. Il risultato, giudicate voi, a noi sembra effettivamente impeccabile.

Il suo collage inizia con il piede destro di Tévez e con il sinistro di Dybala. Ha poi scelto di continuare la sua composizione “rubando” la velocità di Mbappé. E già fin qui, non c’è male.

Francesca Tajè sogna in grande: è così il giocatore dei suoi sogni

A questo punto, Francesca Tajè ha tirato in ballo il suo beniamino, ovvero Cristiano Ronaldo, prendendo in prestito il suo colpo di testa. “Lui vola”, ha detto con gli occhi a cuoricino.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da RDS Next (@rdsnext)

Ha scelto, ancora, il dribbling di Çalhanoğlu e la capacità di finalizzazione di Inzaghi; la visione di gioco perfetta è per lei quella dell’ “unico, solo ed inimitabile” Andrea Pirlo. Al momento di scegliere la personalità da dare al suo giocatore dei sogni ha scelto quella di Alessandro Del Piero.

Et voilà, ecco pronto, in quattro e quattr’otto, il calciatore perfetto: magari ne esistesse uno così, come l’ha fatto “mamma” Francesca Tajè!