Juventus, Del Piero non “molla” Allegri: “La società ci crede”

0
55

Juventus, l’ex capitano bianconero ha detto la sua a proposito del futuro del tecnico livornese. Ecco le sue parole. 

Manca ormai poco più di un mese alla fine della stagione: solo allora si potranno tirare le somme. A fine maggio potremo dare un giudizio definitivo sull’annata dei bianconeri, ma soprattutto sull’operato di Massimiliano Allegri.

Juventus, Del Piero non “molla” Allegri: “La società ci crede”
Del Piero – Juvelive.it (Lapresse)

L’allenatore livornese continua infatti a dividere. Lo faceva già nella sua prima esperienza a Torino, quando vinceva titoli su titoli. Figurarsi adesso, dopo tre stagioni tutt’altro che entusiasmanti, non solo dal punto di vista dei risultati. La Juventus quest’anno ha l’occasione di tornare a sollevare un trofeo, la Coppa Italia, che però difficilmente in caso di trionfo farebbe pendere l’ago della bilancia dalla parte di Allegri. Al tecnico dei 5 scudetti di fila e delle 4 Coppe Italia viene rimproverato il fatto di non essere riuscito a far crescere la Juve sul piano del gioco. Sì, è vero, oggi non ha i campioni di cui disponeva in passato ma dal 2021 in poi i bianconeri non hanno mai espresso un gran calcio, né contro le altre big né contro le piccole (emblematica l’eliminazione dalla Champions League nel 2022).

Juventus, Del Piero: “Va valutata la stagione nel suo complesso”

Ovviamente c’è anche una fetta di tifosi che giudica in maniera positiva il suo operato. E che ritiene che più di così la sua Juventus non potesse proprio fare.

Esonero Allegri, Juventus a Zidane: boom Rai, commenti a non finire
Massimiliano Allegri (LaPresse)

Domande che si sta ponendo da mesi anche la stessa società. Che fare con Allegri? Da una parte ci sarebbe la tentazione di arrivare a fine contratto (scade nel 2025). Dall’altra la voglia di cambiare ed affidarsi ad un allenatore più “moderno”. Sulla questione ha parlato anche Alex Del Piero, intervenuto ai microfoni di Radio Serie A.

“L’anno scorso ho lodato il suo lavoro e dei giocatori perché penso che abbiano fatto un mezzo miracolo – ha detto l’ex capitano bianconero – riuscendo a rimanere concentrati e finire bene una stagione che era stata contornata da situazioni a livello societario. Quest’anno si possono aprire diversi scenari, bisogna aspettare. Se la società ha deciso di continuare a lavorare con Max è perché ci crede. Non ci si può limitare a valutare e prendere in considerazione una cosa specifica, va valutata la stagione nel suo complesso a partire dall’inizio del campionato, da quando la Juventus era in lotta per lo scudetto”.