Inter-Juventus, la sfida ridiventa incandescente: c’entra di nuovo il VAR

0
38

Inter-Juventus, sfida si riaccende ed è incandescente, c’entrerebbe di nuovo il VAR: tutti i dettagli della situazone.

Il giornalista Sandro Sabatini ha riaperto il dibattito tra Inter e Juventus riguardo agli scudetti, esaminando la questione sotto diverse prospettive e ponendo l’accento sulla verità storica e sul rispetto reciproco tra le due tifoserie.

Contatto Thuram Danilo Inter Juventus
Thuram e Danilo LaPresse

Sabatini, attraverso il suo canale YouTube, ha sottolineato che, secondo l’almanacco, la Juventus vanta 36 scudetti, mentre l’Inter ne ha conquistati 20. Tuttavia, egli propone di considerare anche i due titoli revocati alla Juventus, portando così il conto a 38 scudetti per i bianconeri e a 20 per i nerazzurri, di cui uno assegnato a tavolino. Il giornalista ha espresso la necessità di essere rispettosi della verità storica, riconoscendo sia le vittorie che le sconfitte delle due squadre e ricordando l’importanza del rispetto reciproco e della legge dello sport.

Sabatini e i numeri sugli scudetti: sfida Juve e Inter

La Juve straccia l’Inter: ecco come cambia la classifica
LaPresse – Juvelive.it

Sabatini ha riconosciuto che, nonostante le controversie, è normale che si discuta ancora su eventi come lo scandalo di Calciopoli, evidenziando l’eccessiva polemica che a volte circonda tali questioni. Ha citato esempi come il contatto tra Iuliano e Ronaldo, sottolineando che alcune situazioni rimangono ancora controverse nonostante il passare degli anni. Il giornalista ha ribadito che è giusto che i tifosi interisti godano del recente successo senza rimuginare su eventi passati di difficile interpretazione. Ha anche evidenziato che, nel contesto di Calciopoli, l’Inter ha beneficiato della prescrizione, ma ha chiarito che questo non implica necessariamente una condanna.

Sabatini ha concluso il suo intervento incoraggiando entrambe le tifoserie a rispettare la storia e a godersi i successi attuali senza perdere di vista la realtà degli eventi passati. Di seguito quello detto proprio dal giornalista, sul suo canale YouTube: “C‘è gente che rimembra ancora il gol di Turone, o quello di Muntari, o il contatto Iuliano-Ronaldo, che nemmeno il VAR avrebbe chiarito. Gli juventini ricordano ancora il nubifragio di Perugia”. Quello del 2006 è stato rivendicato dagli interisti come lo scudetto degli onesti. Cari amici interisti: se è così, è normale che io dica che gli scudetti dell’Inter siano 19 sul campo e uno a tavolino. Non è un’offesa o una provocazione, significa raccontare la storia per quello che è stata. La Juventus espone allo stadio due titoli che non ci sono nell’albo d’oro, nella storia gli scudetti sono 36, quelli dell’Inter 20, di cui uno a tavolino. Gli juventini ricordano che, nel caso Calciopoli, a un certo punto l’Inter beneficiò della prescrizione. Prescrizione non significa condanna. La prescrizione avrebbe indotto a pensare che anche l’Inter sarebbe stata condannata, anche se voglio sottolineare che, in caso di processo, non avrebbe avuto a difendersi Giacinto Facchetti, che nel frattempo era scomparso. Per questo, dico ai tifosi interisti di godersi questo scudetto, senza andare a ripensare a cose che non possono essere comunque dimostrare fino in fondo”.