Tegola UFFICIALE: finale di Coppa Italia a serio rischio

0
33

Tegola UFFICIALE, il giocatore si è fatto male nel corso del primo tempo e rischia di saltare le prossime partite. 

Mancano meno di due settimane alla finalissima di Coppa Italia, trofeo che quest’anno si contenderanno Juventus e Atalanta. Da una parte i bergamaschi che sognano il primo titolo dell’era Gasperini, dall’altra la Signora che vuole tornare a riempire la propria bacheca dopo tre anni deludenti ed in cui i bianconeri sono rimasti a mani vuote.

Tegola UFFICIALE: finale di Coppa Italia a serio rischio
– Juvelive.it (Lapresse)

Per la squadra di Massimiliano Allegri sarebbe importantissimo chiudere la stagione con un trofeo ma bisognerà fare i conti con la “fame” dei nerazzurri, in corsa ancora su due fronti. Ieri l’Atalanta ha giocato la prima delle due semifinali di Europa League, pareggiando 1-1 a Marsiglia, in uno stadio dove quest’anno è riuscito ad avere la meglio solo ed esclusivamente il PSG. Scamacca aveva portato in vantaggio la Dea, ma dopo pochi minuti è arrivato il pareggio di Mbemba. Un risultato che ad ogni modo lascia tutto aperto in vista del ritorno, in programma tra una settimana a Bergamo.

Tegola UFFICIALE, sospetto stiramento per Kolasinac

Gli uomini di Gian Piero Gasperini, a differenza di quelli di Allegri, stanno giocando ogni tre giorni dovendo far fronte anche all’impegno europeo.

Tegola UFFICIALE: finale di Coppa Italia a serio rischio
Kolasinac (il primo da sinistra) – Juvelive.it (Lapresse)

E la preoccupazione del tecnico nerazzurro è arrivare alla finale dell’Olimpico con i giocatori contati. Nel frattempo l’Atalanta ha perso un alro pezzo in difesa: nel corso del match del Velodrome si è fatto male Sead Kolasinac, sostituito da Pasalic al minuto 17. In attesa degli esami diagnostici, come riporta l’Ansa, si sospetta uno stiramento. E le possibilità che il difensore bosniaco salti le prossime due partite – Salernitana e il ritorno con il Marsiglia – sono molto alte. Gasperini incrocia le dita, perché la sua Dea nei prossimi 15 giorni deve giocare, oltre al ritorno con i transalpini, anche contro la Roma, uno scontro diretto che può valere un’intera stagione dal momento che le due squadre sono in lotta per il quinto posto.