Leclerc penalizzato, caos in casa Ferrari: il motivo

0
25

Problemi in vista per Charles Leclerc dopo l’ultimo gran premio. Spunta un retroscena che avrebbe penalizzato il talento della Ferrari.

C’è grande rammarico in casa Ferrari dopo l’ultimo Gran Premio stagionale di Formula 1. Ovvero quello corso lo scorso weekend sulla pista di Miami. Una località molto ambita dai vacanzieri, per le spiagge lussuose ed il clima caldo, ma l’umidità non è certo una piacevolezza.

Leclerc, delusione per il gp di Miami
Leclerc è uscito molto deluso dopo la prova di Miami (Ansa) – Juvelive.it

A prescindere dalle questioni climatiche, in casa Ferrari c’è grande delusione. La scuderia di Maranello aveva in pugno la gara, poi andata nelle mani del sorprendente Lando Norris e della sua McLaren, al primo trionfo in carriera in F1.

A prenderla male è stato soprattutto Charles Leclerc, che non riesce proprio ad ingranare ed a dare una svolta decisiva alla sua stagione ferrarista. Il monegasco ha chiuso al terzo posto, superato da Norris e dal solito Verstappen, ma ad un certo punto poteva realmente farla da padrone. Un errore di strategia, sottolineato da Formulapassion.it, ha relegato Leclerc al gradino più basso del podio.

L’errore di strategia ed il piano B fallimentare della Ferrari a Miami

Leclerc a fine corsa ha rilasciato alcune dichiarazioni che sembrano presupporre un’idea errata lanciata dal suo box. Ovvero un piano B non ben congeniato, annunciato al monegasco via radio.

Ferrari, il piano B rovina la corsa di Leclerc
Il piano B della Ferrari è una mazzata per Leclerc (Ansa) – Juvelive.it

A Leclerc è stato chiesto di ad anticipare al 19° passaggio il pit stop, quando con le stesse gomme medie, che non avevano alcun degrado, Verstappen si è fermato 4 giri dopo, Sainz ha completato altri 8 giri e Norris, il vincitore, addirittura 10. Al momento della sosta, Leclerc era a 3’’8 da Verstappen e Norris era distanziato di oltre 11 secondi,la lotta per la vittoria era apertissima, la Ferrari c’era, la Red Bull non era invece in giornata e Verstappen per rimediare ha addirittura commesso un errore andando largo in una curva.

Ma alla fine l’ha spuntata la McLaren, con Leclerc che non è riuscito a recuperare terreno per via dei troppi chilometri sulle gomme cambiate con largo anticipo. L’impressione è che le strategie di Frederic Vasseur e del suo team stavolta siano stati il motivo della debacle del classe ’97, molto deluso in quel di Miami.

Continua il periodo di magra di Leclerc, che in questa stagione non è mai andato più in basso del quarto posto nei sei gran premi finora disputati. Ma l’ultimo trionfo in pista rischia di essere sempre più lontano: bisogna risale al gran premio d’Austria del luglio 2022 per ritrovare Leclerc sul gradino più alto e prestigioso del podio.