Juventus, UFFICIALE: la bandiera ha detto addio

0
43

Juventus, UFFICIALE: con una nota la società bianconera ha comunicato il suo addio dopo tre stagioni (e tanti trofei). 

Cinquantanove punti, gli stessi della stagione 2021-22. Con una “sottile” differenza, e cioè che due anni fa bastarono per portare a casa lo scudetto. Stavolta, invece, la Juventus Women ha di nuovo visto festeggiare gli altri, in questo caso la Roma, che per la seconda stagione consecutiva si è cucita il tricolore sul petto. Un’annata sicuramente travagliata per le bianconere, che nel corso del campionato hanno cambiato pure allenatore.

Juventus, UFFICIALE: la bandiera ha detto addio
– Juvelive.it (Lapresse)

L’era Montemurro, infatti, è terminata ufficialmente lo scorso marzo, in seguito ai risultati troppo altalenanti e soprattutto alla doppia sconfitta con la Fiorentina in Coppa Italia. Oggi in panchina siede Giuseppe Zappella, ma dal prossimo anno a guidare la Juventus femminile spetterà a Max Canzi, tecnico che è stato anche il vice di Walter Zenga nell’esperienza di Cagliari qualche anno fa. Con l’obiettivo di aprire un nuovo ciclo vincente – sì, si punta subito allo scudetto – non saranno pochi i movimenti di mercato in estate. Tanti gli addii, come quello della centrocampista canadese Julia Grosso, che dopo tre stagioni intense e piene di soddisfazioni si appresta a lasciare Torino.

Juventus, UFFICIALE: il club saluta Julia Grosso

L’ufficialità è arrivata pochi minuti fa, con una nota apparsa sul sito ufficiale della Juventus.

“Termina, dopo tre anni insieme, l’avventura di Julia Grosso alla Juventussi legge nella nota – Un’avventura che durava da 3 anni: arrivata nel 2021, Julia ha saputo subito lasciare il segno nelle Juventus Women, diventando un punto di riferimento nel nostro centrocampo.

Lascia il gruppo forte di 76 partite e 10 reti, ma anche forte di un palmarès di tutto rispetto: uno Scudetto, 2 Coppe Italia e altrettante Supercoppe Italiane. E poi, le grandi notti europee in Women’s Champions League e un’avventura nella quale, giorno dopo giorno, non ha mai fatto mancare due cose: professionalità e sorriso.

Julia lascia un ricordo forte, che arriva indubbiamente dalle sue prestazioni in campo, e su tutto basti dire che è l’unica centrocampista nata negli anni 2000 che nelle ultime quattro stagioni di Serie A ha preso parte a più di 15 marcature: 17 – nove gol e otto assist; spesso presente nelle occasioni da gol della Juventus, in fase di creazione, di assistenza o, appunto, di trasformazione dell’azione, Julia è però anche la gioia e il divertimento di questo sport: basta vederla sorridere, come si diceva, per averne una prova. Ed è con questo sorriso e questo spirito che la ringraziamo di tutto e le auguriamo il meglio per la sua carriera. Thank you, Julia, and good luck!”