La Juventus non ci sta e affonda il colpo: continua la “guerra” con CR7

0
94

La Juventus non ci sta e affonda il colpo, la mossa della società bianconera dopo la condanna del Collegio arbitrale. 

Juventus e Cristiano Ronaldo, c’eravamo tanto amati. Sono trascorsi quasi 7 anni dall’arrivo del portoghese a Torino: era il 2018 e la tifoseria bianconera, incredula, si preparava ad accogliere quello che, in quel momento, era senza alcun dubbio il giocatore più forte e decisivo al mondo, reduce da tre trionfi di fila in Champions League con il Real Madrid.

La Juventus non ci sta e affonda il colpo: continua la “guerra” a CR7
Ronaldo – Juvelive.it (Lapresse)

Sembrava l’inizio di un’epopea, l’acquisizione del tassello mancante per andare all’assalto della coppa dalle grandi orecchie che alla Continassa sognano ad occhi aperti da quasi 30 anni. E nessuno, all’epoca, poteva immaginare che la storia d’amore tra il cinque volte Pallone d’ora e la Signora sarebbe finita malissimo, addirittura in tribunale. All’incirca un mese fa, infatti, la Juventus è stata condannata dal Collegio arbitrale al pagamento di ben 9,8 milioni di arretrati, che spetterebbero all’attuale attaccante dell’Al-Nassr. Questo nonostante i legali bianconeri sostenessero che Ronaldo, al momento del trasferimento al Manchester United nell’estate 2021, avesse rinunciato a far valere ogni pretesa economica nei confronti della Juve. Come evidenziato, del resto, all’interno del Transfer Agreement.

La Juventus non ci sta e affonda il colpo, impugnato il lodo Ronaldo

Una posizione che il lodo arbitrale ha deciso di non riconoscere. In sostanza, come spiega Repubblica, non esiste carta o altro che dica che quesi soldi non siano più dovuti.

Un duro colpo, insomma, per le casse della Juventus, che negli ultimi tempi non godono di buona salute. La Signora però non ha nessuna intenzione di arrendersi. E, a distanza di poco più di un mese dal pronunciamento del Collegio arbitrale, ha deciso di impugnare il lodo. Lo ha appena riferito il giornalista della Gazzetta dello Sport Giovanni Albanese tramite il suo profilo X. La vicenda, dunque, non è affatto conclusa.