Tre contropartite per lo scambio: la Juventus scarta il primo regalo

0
33

Calciomercato Juventus, tre contropartite tecniche per piazzare il primo colpo con lo scambio. Ecco la bomba sui bianconeri

Ora che Thiago Motta ha ufficialmente lasciato il Bologna come da comunicato del club, si inizia a pensare alla futura squadra bianconera. Giuntoli è al lavoro con il tecnico per capire quali innesti servano alla rosa della Juventus per tornare a vincere lo scudetto che, ovviamente, diventa il primo obiettivo stagionale della prossima annata.

Calciomercato Juventus, è fatta: Giuntoli ha chiuso il primo colpo
Giuntoli (Lapresse) – Juvelive.it

Un nome su tutti sta circolando con molta insistenza nel corso di queste ultime settimane: parliamo di Riccardo Calafiori, autore di una doppietta proprio lunedì scorso contro la truppa che per l’ultima giornata sarà ancora guidata da Paolo Montero, e che sembra, secondo le informazioni riportate dall’edizione bolognese di Repubblica, ad un passo dal vestirsi di bianconero. Il Bologna chiede 30milioni di euro per il cartellino, ma la Juve a quanto pare ha dei jolly da poter giocare per abbassare la richiesta di cash.

Calciomercato Juventus, le tre pedine per Calafiori

Tre nomi e siamo sicuri che almeno uno di questi potrebbe essere inserito nell’operazione. Al direttore del Bologna, Sartori, intanto piace Miretti, il centrocampista che quest’anno ha trovato poco spazio e che potrebbe rilanciarsi in Emilia, giocando anche la Champions League.

Riccardo Calafiori
Riccardo Calafiori (Lapresse) – Juvelive.it

Ma non solo, ci sono altri due uomini che da quelle parti interessano: il primo è sempre un altro centrocampista, Nicolussi Caviglia, che nella finale di Coppa Italia ha preso il posto in mezzo al campo di Locatelli dimostrando che a certi livelli ci può tranquillamente stare. E infine, spunta anche il profilo di Huijsen, che tornerà dal prestito alla Roma che, però come sappiamo, potrebbe anche essere inserito nell’operazione che dovrebbe portare a Torino Koopmeiners. Lo spagnolo piace a Gasperini ed è anche questo il nocciolo della questione: il tecnico non è sicuro di rimanere a Bergamo e quindi le strategie nerazzurre potrebbero cambiare. Vedremo. Ma intanto oltre Motta si avvicina anche Calafiori.