Iscrizione irregolare Inter, nuovo esposto “bianconero”: comunicazione UFFICIALE

0
21

Iscrizione irregolare Inter, il passaggio di proprietà che ha riguardato il club meneghino continua a destare perplessità.

Le vicissitudini societarie hanno impedito all’Inter di gustarsi fino in fondo uno scudetto che la squadra di Simone Inzaghi, a scanso di equivoci, ha vinto con merito. Il passaggio di proprietà “forzato” avvenuto la scorsa settimana ha un po’ turbato il clima di festa che da tempo caratterizzava l’ambiente nerazzurro per via dei brillanti risultati sportivi.

Iscrizione irregolare Inter, nuovo esposto ‘bianconero’: comunicazione UFFICIALE
Marotta e Zhang – Juvelive.it (Ansa)

In poche parole, l’ormai ex presidente Steven Zhang, non riuscendo ad estinguere il debito – si parla di circa 385 milioni di euro – contratto con il fondo statunitense Oaktree, ha difatto perso la “sua” l’Inter. Oggi, infatti, i neocampioni d’Italia non sono più nelle mani della cinese Suning, che ha dunque passato la mano dopo otto anni. I nuovi proprietoria, in ogni caso, hanno voluto tranquillizzare tutti fin da subito, confermando in blocco l’attuale gruppo dirigente e promettendo che le ambizioni del club resteranno immutate. “Non vediamo l’ora di collaborare a stretto contatto con l’attuale gruppo dirigente per continuare a costruire sullo slancio della storica seconda stella. Per questo motivo, siamo concentrati a garantire stabilità operativa e finanziaria, che contribuiranno al successo duraturo del club dentro e fuori dal campo”, c’è scritto nel comunicato.

Iscrizione irregolare Inter, la richiesta di Jdentità Bianconera

Passaggio che, tuttavia, meriterebbe qualche approfondimento, soprattutto alla luce delle notizie che stanno uscendo in questi giorni.

A tal proposito, la Fondazione Jdentità Bianconera ha appena effettuato una richiesta di indagini suppletive nei confronti dell’FC Internazionale, rivolgendosi direttamente alla FIGC, alla Covisoc e Procura federale “affinché si indaghi sugli eventi che hanno determinato l’intero pacchetto azionario dal gruppo Suning al fondo Oaktree”. “Si insiste, nella fattispecie, che siano verificate violazioni in materia gestionale ed economica per la sussistenza di atti volti ad alterare i requisiti contabili al fine di conseguire l’iscrizione al campionato”, si legge nella nota della Fondazione.