Nuovo terremoto nel calcio italiano: penalizzazione ‘anticipata’

0
16

Nuovo terremoto nel calcio italiano. La stagione agonistica dovrebbe essere terminata. Oppure no. Vi potrebbero essere dolorosi strascichi. Quali e per chi?

Sono i giorni di Napoli e del Napoli. Di Antonio Conte e di Aurelio De Laurentiis. Sono i giorni in cui un’intera città chiede di ritornare ad uno splendore appena passato e già oscurato da una stagione costellata di grossolani errori.

Penalizzazione ‘anticipata’
Penalizzazione ‘anticipata’ (Pixabay) Juvelive.it

Il numero uno partenopeo vuole riscattare una stagione costellata di ‘suoi’ grossolani errori. Ora intende porre rimedio e resettare il recente passato. Conta soltanto il futuro e per Aurelio De Laurentiis il futuro del Napoli ha il volto, la grinta e la voglia di vincere di Antonio Conte.

Ancora qualche giorno e Napoli potrebbe nuovamente scendere in piazza. Non per festeggiare un nuovo scudetto ma per accogliere chi potrebbe farglielo conquistare un altro. Nuovamente. Come un anno fa. De Laurentiis è pertanto vicino alla realizzazione del suo progetto concepito diversi mesi fa ed ora pronto ad emettere il primo vagito.

Per una città che esulta, ce n’è un’altra che insulta

La famiglia De Laurentiis ed il calcio. Non c’è soltanto il Napoli tra le proprietà ‘calcistiche’ del produttore cinematografico. C’è anche il Bari e la realtà pugliese è decisamente più nera.

Aurelio De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis (ANSA) Juvelive.it

I tifosi sono ‘avvelenati’ con la proprietà De Laurentiis dopo una stagione che ha visto i biancorossi pugliesi salvarsi in extremis. Eppure i guai non sembrano essere finiti. Proprio la vittoria ottenuta sul campo della Ternana, che ha assicurato la permanenza in serie B dei galletti pugliesi, potrebbe avere serie conseguenze.

Nicola Bellomo è infatti attenzionato dalla Procura Federale della Figc per quanto accaduto a Terni. Il fantasista del Bari, a pochi minuti dal termine della gara, con i pugliesi in vantaggio di tre reti, ha aggredito un raccattapalle.

Inevitabile l’espulsione comminata dall’arbitro La Penna. Espulsione che avrebbe generato un flusso anomalo di scommesse. In tanti hanno puntato sull’espulsione di Bellomo e ciascuna puntata pagava 24 volte la posta, come ci informa ilovepalermocalcio.com.

A giudizio dell’avvocato Paco D’Onofrio, specializzato in diritto sportivo, qualora venissero riscontrate anomalie ‘sospette’, le sanzioni potrebbero essere gravi:

Il codice di giustizia sportiva prevede non soltanto una sanzione per il caso in cui il tesserato effettuasse una scommessa su una partita di calcio, ma anche l’ipotesi più grave consistente nell’aver direttamente contribuito alla realizzazione dell’evento oggetto della scommessa“.

In questi casi, ha aggiunto Paco D’Onofrio, le sanzioni possono essere decisamente più severe: “Si parla di squalifica per il tesserato direttamente coinvolto e punti di penalizzazione per la società con la quale è tesserato, a titolo di responsabilità oggettiva“. Pertanto se Napoli si appresta a ringraziare Aurelio De Laurentiis, Bari è pronta a contestarlo. Sonoramente.