Plusvalenze Juventus, UFFICIALE: li hanno sospesi

0
17

La Juventus guarda avanti con fiducia verso i mesi estivi e verso la prossima stagione nella quale vuole essere protagonista.

Non potrebbe essere altrimenti, visto che è arrivato il momento di voltare pagina chiudendo il torneo di serie A appena andato in archivio. Nel quale la Juve è stata capace di conquistare quel piazzamento utile per la Champions League che gli garantirà un palcoscenico importante e anche la possibilità di mettersi in tasca un importante bottino a livello economico.

Plusvalenze Juventus, UFFICIALE: li hanno sospesi
(LaPresse)

Soldi con i quali Giuntoli dovrà cercare di portare a Torino dei calciatori in grado di elevare lo spessore della rosa bianconera. Dopo l’addio di Allegri si attende la nomina ufficiale di Thiago Motta, ormai sembrano esserci pochi dubbi sull’arrivo dell’ex Bologna. Con la tifoseria che attende notizie importanti nell’arco delle prossime settimane.

Ricorso Agnelli e Arrivebene, il Tar rimette la questione alla Corte di Giustizia Europea

Nel frattempo ci sono comunque delle pagine legate al passato del club che continuano ad essere aperte. Quelle legate ad esempio alle posizioni dell’ex presidente della Juventus Andrea Agnelli e di Maurizio Arrivabene, legate alla questione plusvalenze per le quali sono stati squalificati.

Plusvalenze Juventus, UFFICIALE: li hanno sospesi
Andrea Agnelli (LaPresse)

Un questione molto importante, non bisogna dimenticare infatti che ala Juve ha subito una penalizzazione in campionato e la scorsa estate è stata esclusa dalle coppe europee. Il ricorso al Tar da parte degli ex dirigenti al momento non ha dato frutti, ma comunque tiene in piedi ogni tipo di decisione. L’organo amministrativo del Lazio ha infatti rimesso la questione alla Corte di Giustizia Europea, alla quale toccherà stabilire se la giustizia sportiva italiana è compatibile con i principi del giusto processo. E quella che sarà presa in Europa sarà una decisione molto importante, perché potrebbe cambiare la storia, rivoluzionando i rapporti tra giustizia sportiva e giustizia ordinaria.