Rabiot all’Inter: cifre spaziali, hanno svelato tutto

0
42

Siamo in pieno calciomercato per una Juventus che in queste settimane è destinata a cambiare decisamente pelle

Il primo passo la dirigenza bianconera l’ha compiuto affidando la panchina a Thiago Motta. Toccherà a lui prendere il posto di Massimiliano Allegri e cercare di aprire una nuova era vincente. Missione che non sarà affatto semplice ma gli sforzi della proprietà non mancheranno per allestire una squadra competitiva.

calciomercato juventus rabiot inter
Adrien Rabiot (Lapresse) juvelive.it

Il direttore Giuntoli avrà senz’altro già pronto una lista di potenziali colpi da mettere a segno nel corso di questa estate. La Juventus proverà a mettere nelle condizioni migliori il suo nuovo allenatore, pescando sul mercato quei giocatori adatti alle sue idee di gioco. Si potrà contare anche su importanti risorse economiche che arriveranno dalla partecipazione alla prossima edizione della Champions League. Soldi che serviranno a far sì che a Torino possono arrivare dei rinforzi in ogni zona del campo. Ma ci sono anche altri nodi da sciogliere.

Juventus, per i bookmakers Rabiot può finire all’Inter

Al di là degli acquisti è chiaro che la Juventus dovrà concentrarsi anche sulle cessioni. Grazie alle quali si potrebbero recuperare altri milioni di euro da poter investire altrove. Senza dimenticare che in alcuni frangenti ci potrebbe anche essere un risparmio notevole in termini di ingaggio.

calciomercato juventus rabiot inter
Rabiot in azione contro l’Inter (LaPresse) juvelive.it

Il principale nodo da sciogliere nel corso di questi giorni sarà il rinnovo di Adrien Rabiot. Il calciatore francese infatti ha l’accordo in scadenza il prossimo 30 giugno e per adesso non sono arrivati i segnali riguardo il suo rinnovo. La Juventus sembra avere l’intenzione di arrivare ad un prolungamento ma le offerte non mancano di certo al centrocampista transalpino. Che probabilmente deciderà il suo futuro solo dopo l’Europeo. Per i bookmakers però c’è anche la clamorosa ipotesi di una firma per l’Inter: la quota bassa (3) è un indizio del quale non si può non tenere conto.