Plusvalenza Juventus, UFFICIALE: tripla mazzata in un colpo solo

0
33

In casa Juventus ormai sono iniziate le grandi manovre per questa sessione di calciomercato così preannuncia davvero molto calda.

La società bianconera sa benissimo di dover fare diversi sforzi per allestire una squadra che sia capace di far bene sia in Italia che in Europa. Dopo aver conquistato i suoi obiettivi nel corso della passata stagione adesso l’intenzione del club è quella di alzare l’asticella e puntare a nuovi traguardi.

juventus plusvalenze consob sanzioni
I tifosi della Juventus (LaPresse) juvelive.it

La missione principale era quella di riuscire a riportare il tricolore a Torino. Lo scudetto del resto manca da diversi anni nella bacheca del club. Per aprire una nuova era vincente la Juventus si è affidata a Thiago Motta come nuovo allenatore. Toccherà a lui costruire una squadra che sappia vincere e allo stesso tempo divertire. La dirigenza dunque sta lavorando tantissimo in questa fase sul calciomercato per cercare i giocatori adatti alle sue idee di gioco. Facendo ovviamente però sempre i conti con il bilancio economico.

Consob, sanzioni amministrative riguardo la revisione dei bilanci della Juve

Nel corso degli ultimi anni i bilanci nel mondo del calcio sono diventati sempre più importanti, così come le operazioni portate a termine. Non bisogna dimenticare che per il caso plusvalenze il club è stato penalizzato nella stagione 2022-23 con 10 punti di penalizzazione.

plusvalenze juventus sanzioni consob

“La Stampa” rivela che la CONSOB ha applicato delle sanzioni amministrative pecuniarie riguardo i lavori di revisione dei bilanci degli ultimi anni della Juventus, società quotata in borsa. Sanzioni che sono state inflitte nei confronti della società Ernst&Young (sanzione pari a 195mila euro in relazione ai lavori di revisione dei bilanci d’esercizio al 30 giugno 2019 e 30 giugno 2020,oltre a quelli sui bilanci d’esercizio e consolidato al 30 giugno 2021), di Stefania Boschetti (sanzione pari a 30mila euro in relazione alla revisione del bilancio d’esercizio al 30 giugno 2019) e Roberto Grossi (sanzione pari a 70mila euro in relazione alla revisione del bilancio d’esercizio al 30 giugno 2020 e sui bilancio d’esercizio e consolidato al 30 giugno 2021).