Cannavaro: «Juve, ma come stai difendendo? Chiellini…»

0
128

L’ex Pallone d’oro Fabio Cannavaro evidenzia: «I due gol presi col Verona denotano squilibri dietro. Magari, se vinci da tanto, al Bentegodi ti deconcentri…»

Fabio Cannavaro (getty images)

Fabio Cannavaro è uno che di interventi difensivi se ne intende. Ha fatto la gioia di Buffon e non solo, regalando al portiere anni di clean sheet l’uno dietro l’altro. In coppia con Thuram formò il tandem difensivo di livello pari forse solo alla BBC, poi scelse di andare al Real Madrid lasciando la Juventus in Serie B. «Se subisci troppi gol – dice – non vai lontano». E come dargli torto?

LEGGI ANCHE >>> Allegri Juventus, ritorno possibile? Lo scenario in caso di esonero Sarri

Le parole di Cannavaro sulla difesa di Sarri

Dalle colonne della Gazzetta dello Sport Fabio Cannavaro fa il punto della situazione. «Sono convinto che Sarri dopo l’esperienza in Premier, al Chelsea, sia maturato e sappia gestire meglio tutti i campioni che ha. Rispetto al passato, però, la Juve sta subendo troppi gol – dice -. Anche i due presi a Verona denotano limiti nella fase difensiva. Capisco che per chi vince da anni in Italia sia più difficile restare concentrati al Bentegodi, rispetto al Bernabeu. Ma bisogna cambiare questi numeri. Per il campionato, ma soprattutto per la Champions: se subisci tanto in fondo non ci arrivi. Ma sono convinto che con il rientro di Chiellini ritroveranno gli equilibri migliori».

LEGGI ANCHE >>> Ecco i tempi di recupera di Douglas Costa dopo l’infortunio

Fabio Cannavaro

L’inter in netta crescita

Cannavaro si sofferma anche sull’Inter, la formazione maggiormente accreditata per vincere lo scudetto. «Prima si parlava di Antonio Conte come valore aggiunto, ma da gennaio la società ha rinforzato tantissimo la squadra. Ora l’unica differenza la fa la continuità di rendimento, che l’Inter sta acquisendo – chiude -. Avesse avuto questi uomini in estate, Antonio non avrebbe fallito la qualificazione agli ottavi di Champions. Peccato, però per lo scudetto è in corsa, come per le Coppe. Una vittoria come quella del derby fa lievitare l’autostima del gruppo nel lavoro impostato da Conte»