Mandragora ko, la Juventus rischia di perdere una ricca plusvalenza

0
23

Ieri sera in Torino-Udinese il centrocampista Mandragora ha lasciato il campo quasi in lacrime. Il tecnico Gotti teme il crociato, anche la Juve in ansia.

Mandragora si è fatto male nel match contro il Torino
Mandragora si è fatto male nel match contro il Torino

Una tegola di quelle che rischiano di compromettere parte del mercato di Paratici. Di sicuro qualche imprecazione sarà scappata al massimo operatore di calciomercato bianconero. Brutte notizie per l’Udinese e per la Juventus. Nel corso della sfida fra i friulani e il Torino è stato costretto a dare forfait per infortunio Rolando Mandragora. Un brutto ko al ginocchio della gamba destra che si è girato dopo un contrasto con Meité. Il capitano dell’ultima Under 21, con le mani sul volto, ha chiesto il cambio e ha lasciato il campo con una borsa del ghiaccio sul ginocchio e accompagnato a braccia dallo staff medico. A fine gara la conferma dell’allenatore dell’Udinese Ivan Gotti sulle pessime sensazioni avute. Anche il trainer friulano teme la rottura del crociato: «​Siamo scossi per Mandragora, sembra una cosa abbastanza grave. Vorrei scongiurare che sia il crociato, ma pare di sì».

LEGGI ANCHE >>> Arthur alla Juventus, importanti novità per lo scambio con Pjanic. Le cifre

Mandragora, addio plusvalenza per la Juventus?

Paratici, Direttore Sportivo della Juventus (Getty Images)

Come evidenzia calciomercato.com, tuttavia, il problema adesso ce l’ha anche Paratici. «La brutta notizia non è però soltanto per l’Udinese in questo finale di stagione – si legge -.  Lo è anche per la Juventus che ha già trovato l’accordo con il club friulano per controriscattare il cartellino del giocatore. L’obiettivo del ds Fabio Paratici era però quello di provare a realizzare subito uno scambio con il suo cartellino per ottenere una ricca plusvalenza. La pista più calda era per uno scambio con la Roma con Cristante, ma se la rottura dei legamenti dovesse essere confermata, sarà quantomeno improbabile pensare di poterlo utilizzare come pedina di scambio sul mercato».