Juventus, ecco Arthur: le sue prime parole in bianconero

0
6

Tempo di presentazioni in casa Juventus. Dove a rivelarsi ai suoi nuovi tifosi è stato oggi Arthur, al fianco del dirigente bianconero Paratici.

Juventus
Arthur Melo, Juventus (Getty Images)

Il centrocampista brasiliano è arrivato alla corte di Andrea Pirlo nell’ambito dello scambio che ha portato Pjanic al Barcellona. Il mediano della Selecao è pronto a ritagliarsi uno spazio importante in Italia e farà di tutto per regalare nuovi trionfi ai supporters bianconeri. Per la sua nuova avventura italiana ha scelto di vestire la maglia numero 5.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Juventus, lo United non molla la presa su Douglas Costa

Juventus, le prime parole italiane di Arthur

Il centrocampista, in un buon italiano, ha rivelato le sue prime emozioni con la nuova maglia. «Questo è un giorno molto importante per me. Voglio ringraziare tutti per avermi accolto nel migliore dei modi. Essere qui è un privilegio unico, la Juve ha una storia incredibile» ha detto il brasiliano, che è consapevole dell’importanza della sua missione. «La Juventus ha deciso di investire su di me, per me è un motivo di entusiasmo incredibile. Farò di tutto per onorare questo impegno. Ho la possibilità di giocare con compagni importanti, il progetto Juventus è estremamente ambizioso e io ne faccio parte. La Champions League? sarebbe un titolo incredibile e lavoreremo con tutte le nostre forze per conquistarlo» ha detto ancora Arthur.

Che attende di conoscere quale sarà la sua posizione in campo. «Non ho ancora parlato nel dettaglio con mister Pirlo, ma lui conosce il calcio come pochi. Anche essere allenato da lui è un privilegio». La felicità di Arthur è anche nell’accoglienza che gli è stata riservata. «Sono stato accolto alla grande non solo dai compagni brasiliani, ma da tutti i giocatori, dallo staff e dalla dirigenza. Anche i tifosi mi stanno facendo sentire affetto ed è tutto meraviglioso. Mi sento quasi come a casa» ha detto il brasiliano.

LEGGI ANCHE –>>Dzeko alla Juventus, ecco cosa manca per chiudere la trattativa