Juventus, senti Kulusevski: “Dybala? Non temo la concorrenza”

0
36

Le parole di Dejan Kulusevski ai microfoni di Sky Sport. Il danese a rilasciato una lunga intervista a Paolo Aghemo, corrispondente dell’emittente satellitare, in cui ha espresso il proprio parere in merito al suo ambientamento nella squadra campione d’Italia.Juventus

Juventus Kulusevski Sky intervista/ Uno degli uomini del momento in casa Juventus è sicuramente Dejan Kulusevski. L’esterno danese, vero fiore all’occhiello della passata campagna acquisti, con Paratici che è riuscito a battere la concorrenza dell’Inter, ha dato risposte incoraggianti in questo frangente di stagione, lasciando intravedere sprazzi di talento, abbinati ad una grande forza fisica ed abilità palla al piede. Intervistato ai microfoni di Sky Sport, l’ex Parma ha detto la sua in merito al proprio ambientamento alla Juventus:

Leggi anche–>Juventus, dalla Spagna: “Salterà la sfida contro il Barcellona”

Per noi giovani avere un allenatore come Pirlo è una manna dal cielo. Il mister e il suo staff sono sempre presenti con noi, pronti al dialogo e a darci ogni minimo consiglio per farci rendere al meglio. Qui non conta la carta d’identità, ma quello che dimostri in allenamento e in partita: e così dovrebbe essere sempre. Sono molto contento di essere qui, e sono pronto a dare tutto per aiutare la squadra. Mi piace svariare su tutto il fronte offensivo, ma non ho una posizione privilegiata.”

L’intervista di Kulusevski a SkyJuventus

Kulusevski ha continuato: “Certamente qui la concorrenza è tanta: se non sei al top in allenamento, non giochi. Non potrò scendere titolare in tutte le gare, credo che rappresenti la logica di ogni grande club. Tuttavia è mio dovere mettere sempre il mio allenatore nelle condizioni di schierarmi. La concorrenza con Dybala non mi spaventa, anzi: più siamo in competizione, maggiori sono le possibilità di rendere al massimo.

Leggi anche–>Calciomercato Juventus, Pirlo ha deciso: arriva a gennaio!

La lontananza dalla famiglia mi pesa, ma il fatto di vivere così tante ore con i miei compagni di squadra è sicuramente un vantaggio per un team giovane con il nostro, che ha bisogno di tempo e di conoscenza reciproca per applicare in partita i dettami che l’allenatore ci impartisce durante gli allenamenti.”