Calciomercato Juventus, decisione presa: “Il futuro è senza Pirlo”

0
12845

Calciomercato Juventus, la decisione sarebbe già stata presa. L’anno prossimo sarà addio ad Andrea Pirlo. Entrata a gamba tesa

Juventus
Pirlo (getty images)

”Pirlo è un ottimo tecnico, che deve avere l’umiltà di partire dal basso e imparare un mestiere che non è solo tattica ma anche rapporti con gli altri. Non farsi capire o non capire completamente gli altri, significa dire spesso cose che possono diventare incomprensibili. Quindi la Juve ripartirà con o senza Pirlo? Certamente senza”.

Stronca un possibile futuro in bianconero Mario Sconcerti. Che sul Corriere della Sera spiega i motivi per i quali la Juventus, nella prossima stagione, deve cambiare allenatore. Il futuro è senza Pirlo quindi. Una presa di posizione netta quella del giornalista, che entra a gamba tesa sull’ex centrocampista.

LEGGI ANCHE: Esonero Pirlo, incontro Agnelli-Allegri: spunta il retroscena

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, possibile ritorno in A: il Psg lo libera

Calciomercato Juventus, il problema è anche con le big

Mario Sconcerti (getty images)

Nel dettaglio Sconcerti spiega ancora: “Il quarto posto è riassumibile anche con un dato: con 12 punti a disposizione la Juve ne ha fatti solamente 4 con le prime. E non a casa, rispetto alle passate annate, sono diminuiti i gol. La Juve ne ha segnati 10 di meno dell’Inter, 12 dell’Atalanta, e per 10 partite o non ha segnato o ha fatto solamente una rete”.

Ma ci saranno anche delle cose buone? Sì, alcune: “La tenuta della difesa, le sconfitte che sono 4 come il Milan e la metà di quelle del Napoli. C’è l’affermazione di Chiesa e la progressione complessa ma sicura di Kulusevski. E la conferma ad altissimi livelli di Ronaldo”. Ma secondo Sconcerti questo non basta per tenere in mano la squadra anche nella prossima stagione. La Juventus deve cambiare per ritornare a vincere. E lo deve fare, secondo noi in questo caso, con un tecnico che badi al sodo. Non snaturando la vera e unica identità di una squadra. “Vincere, è l’unica cosa che conta”.