Juventus, la minaccia di Gravina diventa reale: “Fuori dalla Serie A”

0
510

Juventus, la minaccia del presidente Figc Gravina inizia a diventare reale. Le ultime che arrivano dopo le notizie sulla Superlega

Juventus
Il presidente della Figc Gabriele Gravina (getty images)

Dalle minacce ai (possibili) fatti. Arrivano le parole di Gabriele Gravina, presidente della Figc, al termine del consiglio federale. Ovviamente si parla della Superlega e delle possibili norme che si potrebbero inserire nel codice di giustizia sportiva. “Quanto alla norma anti-Superlega, chi ritiene di voler partecipare a una competizione non prevista e non autorizzata da Figc, Uefa e Fifa, perderà l’affiliazione”.

Una notizia che potrebbe stravolgere il prossimo campionato di Serie A. Sempre ovviamente se venisse confermata. Ma che rimane quanto mai impossibile da attuare. Un massimo campionato italiano in ogni caso, senza Juventus, Milan e Inter avrebbe, onestamente poco, ma davvero poco, senso.

LEGGI ANCHE: Minacce a Pirlo, lo sfogo del figlio: quando i social nuocciono alla salute

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, le ipotesi sul futuro di Cristiano Ronaldo

Juventus, le minacce di Gravina

Juventus
Dirigenza Juventus, Andrea Agnelli (Getty)

“Chi ha interpretato la Superlega come un atto di semplice debolezza da parte di alcune società che vivono difficoltà economiche, sbaglia” ha ancora sottolineato Gravina. Che aggiunge: “Al momento non abbiamo notizia di chi è rimasto e chi è uscito. Questa norma verrà inserita nelle licenze nazionali e poi sarà incardinata nel codice di giustizia sportiva. Se, entro la scadenza delle domande ai campionati nazionali, qualcuno aderisce ad altri campionati di natura privatistica, è fuori”.

Una notizia che sicuramente è già rimbalzata dentro l’ambiente bianconero. Ma che nessuno – nemmeno le altre società interessate – fino ad ora ha commentato. Rimane il fatto, però, che se davvero dovesse nascere anche in futuro una possibile Superlega, ci sarebbe il rischio di non poter partecipare al prossimo campionato. Ma a chi gioverebbe nel caso una decisione del genere?