Calciomercato Juventus, Pellegatti in difesa del Maestro: “Ecco chi voleva”

0
416

Calciomercato Juventus, in difesa di Pirlo arriva Pellegatti. Che svela chi aveva chiesto l’allenatore: e non è stato accontentato

Juventus
Pirlo @Getty

I processi sono iniziati da tempo per Andrea Pirlo. Praticamente dall’inizio della stagione. Poi, per un po’ di tempo, dopo alcune buone prestazioni, sembrava che il cammino del tecnico sulla panchina della Juventus potesse prendere una piega diversa. Negli ultimi mesi il tracollo. Totale. E il processo è ripreso in maniera clamorosa.

L’avventura di Pirlo è finita. Potrebbe concludersi dopo la gara contro il Sassuolo. Ma ormai sembrerebbe che la società continui con il bresciano. Il summit di questa mattina – poi smentito – sembrava potesse portare ad una svolta immediata. Ma così non è stato. Tudor quindi, il designato, nel caso, rimarrà a ricoprire il suo ruolo. Quello di collaboratore tecnico.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, “Serve una rivoluzione” | E su Allegri c’è un’ombra

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, nome a sorpresa per la panchina: c’è anche l’ex

Calciomercato Juventus, Pellegatti difende Pirlo

Calciomercato Juventus
Edin Dzeko, Calciomercato Juventus (Getty Images)

Il giornalista di chiara fede rossonera, che sicuramente è legato “sentimentalmente” a Pirlo, che con il Milan, in campo, ha vinto tutto, è intervenuto a Tutti Convocati, programma sportivo di Radio 24. Prendendo le difese dell’attuale allenatore bianconero. Spiegando, soprattutto, che non è mai stato accontentato sul mercato. Avrebbe fatto delle specifiche richieste a Paratici. Ma il direttore sportivo non ha seguito le indicazioni che gli sono arrivate.

“Pirlo se ne stava andando sereno per capire il suo futuro nell’U23 – ha detto Pellegatti – non capisco perché l’abbiamo proiettato in una dimensione pesante”. “Aveva chiesto – ha svelato il giornalista – sia un regista che un attaccante. E questo era Dzeko. Ma nulla”. Bisogna sottolineare che la Juventus, per l’attaccante della Roma, aveva praticamente chiuso, nell’incastro con Milik alla società giallorossa. Poi il polacco non ha superato le visite mediche, e la trattativa si è bloccata. Ecco, forse le colpe in questo caso non sono tutte di Paratici.