Juventus, la vendetta è servita: la decisione dell’Uefa

0
590

Juventus, dalla Spagna sicuri che la Uefa è pronta alla vendetta. In ballo ci sono anche il Real Madrid e il Barcellona. La decisione

Juventus
Ceferin con Perez (Getty images)

Dalla Spagna sono sicuri che la Uefa è pronta alla vendetta nei confronti della Juventus. E non solo, perché in mezzo ci sono anche il Real Madrid e il Barcellona, gli altri due club, insieme a quello guidato a Andrea Agnelli, che ancora non hanno fatto nessun passo indietro rispetto alla Superlega. Una situazione che giorno dopo giorno diventa sempre più calda. Fino a ieri infatti, sono arrivate anche le parole di Gravina, che ha minacciato i bianconeri.

A parlare è stato il direttore di “Ok Diario”, Edoardo Inda, che ha apertamente spiegato che la Uefa sarebbe pronta ad aprire “un fascicolo sanzionatorio per l’espulsione di Real Madrid, Barcellona e Juventus dalle competizioni continentali”. Ovviamente il rischio, oltre ad essere espulsi dalla Champions qualora venisse conquistata, è quello di essere buttati fuori dall’Europa League, almeno quella, la Juventus, è sicura per la classifica di giocarla nella prossima stagione.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, fino alla fine per davvero: destino rimandato

LEGGI ANCHE: Juventus, senti l’ex dirigente: “Come costruire un nuovo ciclo”

Juventus, la situazione Superlega

juventus agnelli
Agnelli (getty images)

Sempre secondo il giornalista nei giorni scorsi c’è stato un tentativo di mediazione tra Ceferin e i presidenti in questione. Ma questo al momento non sarebbe andato a buon fine perché il massimo esponente del calcio europeo avrebbe chiesto ai tre di scrivere una lettera di “pentimento” sulla questione Superlega.

Questa ancora non è arrivata, e la tensione inizia a salire. Soprattutto perché, una decisione per la prossima stagione, dovrebbe arrivare già prima della finale della prossima Champions League che è in programma il prossimo 29 maggio. I giorni passano e una schiarita all’orizzonte al momento non si vede. Il rischio enorme quindi rimane.