Juventus fuori dalla Serie A | Le minacce di Gravina

0
227

Juventus fuori dalla Serie A: arrivano anche le minacce di Gravina a complicare il momento che sta vivendo la società bianconera

Juventus
Gravina (getty images)

Non basta la sconfitta di ieri che ha per il momento escluso la Juventus dalla prossima Champions League. E non bastano nemmeno le minacce di Ceferin, che potrebbe in ogni caso bandire i bianconeri – insieme a Real Madrid e Barcellona – dalle prossime competizioni della Uefa. Ad aggravare il tutto, al momento, arrivano anche le minacce di Gravina. Il presidente della Figc è stato chiaro. Molto.

Intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli, il presidente della Figc è stato molto chiaro. Mettendo ulteriore apprensione ai tifosi juventini nel momento più buoi degli ultimi 10 anni. “Le norme sono chiare – ha spiegato – Se al momento dell’iscrizione al prossimo campionato il club bianconero farà ancora parte della Superlega non potrà partecipare alla Serie A”.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, nome a sorpresa per la panchina: c’è anche l’ex

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, è il favorito per la panchina: arriva subito

Juventus, le parole di Gravina

Andrea Agnelli / Getty Images

“Dispiacerebbe per i tifosi – ha commentato ancora Gravina – ma le regole sono regole e valgono per tutti”. Al di là delle dichiarazioni, immaginare la Juventus esclusa dal prossimo campionato di Serie A appare francamente impensabile. La SuperLega, sulla bocca di tutti da un paio di settimane, è ormai acqua passata. Non esiste, praticamente. Essendosi tutti tirati indietro – lo ha fatto anche la Juve con una nota – la questione sembra davvero chiusa.

Perché allora queste dichiarazioni? La situazione che viene fuori, il pensiero che accomuna molti, è che sembrerebbe che tutti vogliano delle scuse da parte della società bianconera quando non è stata l’unica ad aver preso parte ad un progetto così importante. Certo, Agnelli rimane dell’idea e della convinzione, soprattutto, che la Superlega sia necessaria per far continuare a vivere molte società. Ma da qui, a metterla in pratica, ce ne passa tanto.