Juventus, Pirlo se la ride | Un weekend in pole position

0
106

Juventus, Pirlo se la ride: un weekend in pole position per l’ex allenatore bianconero, esonerato alla fine della scorsa stagione

Juventus
Andrea Pirlo ©Getty Images

Chissà che cosa starà pensando Andrea Pirlo, esonerato alla fine della scorsa stagione dalla Juventus, che adesso è senza squadra. Chissà cosa starà passando in testa al tecnico bresciano in questo momento, vedendo l’inizio di stagione choc di Massimiliano Allegri: un punto in tre partite, una squadra in costruzione senza nessuna identità di gioco, e che vede già allontanarsi la testa della classifica. Forse qualcuno starà rivalutando il suo lavoro. Forse. Perché comunque, alla fine, Pirlo, è riuscito a vincere due trofei e a portare a casa una qualificazione Champions League. Certo, quest’ultima molto fortunosa, visto che la Juventus ha dovuto ringraziare Faraoni che ha zittito il Maradona nell’ultima giornata della passata stagione. Senza quel gol, oggi, staremmo parlando di una Juve in Europa League. Diciamo che il cambio è apparso quasi scontato.

LEGGI ANCHE: Malmo-Juventus, assenza pesante | Fuori dai convocati

Juventus, intanto Pirlo va a Monza

Calciomercato Juventus
Allegri ©Getty Images

Intanto ieri, l’ex allenatore, era bello e rilassato a Monza, insieme a Francesco Totti e soprattutto a un altro ex, Alessandro Del Piero. Apparso senza nessuna pressione Pirlo, e anche giustamente, dopo un anno vissuto, dall’inizio alla fine, sul banco degli imputati perché la sua squadra quasi mai è riuscita a esprimersi nel miglior modo possibile. Le sue idee, presto, sono andate a farsi benedire. E allora è tempo di pensare al futuro.

Un futuro che al momento lo vede disoccupato, ma pagato ancora dalla Juventus. Di offerte, sembrerebbe, non ne abbia avute. Ma poco male, capiterà anche per lui l’occasione, visto che in bacheca ha già due coppe. Quella dell’anno scorso, comunque, era una squadra completamente diversa da quella che Allegri ha preso in mano quest’anno, questo c’è da dirlo. E chissà come sarebbe andata a finire se l’anno scorso in panchina ci fosse stato il livornese…