Juventus, Cherubini depotenziato | Chi potrebbe affiancarlo

0
13

Juventus, costa sta succedendo in società: la rivoluzione non sarà solamente sul mercato. Ecco le ultime sul dirigente bianconero.

Cercasi esperienza. No, non solo in campo, dove nelle prossime finestre di mercato saranno fatti gli opportuni aggiustamenti. Ma la rivoluzione potrebbe riguardare anche l’organigramma societario. Sarebbe questa l’ultima idea del presidente Andrea Agnelli, il cui obiettivo è riportare la Juventus ai massimi livelli e cancellare con un colpo di spugna questo biennio (o si dovrebbe parlare di triennio?) complessivamente deludente, malgrado sia arrivato pure qualche trofeo. Ma procediamo con ordine. Federico Cherubini, attuale responsabile dell’area tecnica, la scorsa estate ha preso il posto che fu di Fabio Paratici, oggi al Tottenham.

Calciomercato Juventus
Cherubini @LaPresse

E lo stesso fece qualche anno prima l’attuale uomo-mercato degli Spurs, quando si consumò l’addio tra Beppe Marotta e il club bianconero. Ma Agnelli si sta convincendo che sia meglio un ritorno al passato. E cioè affiancare a Cherubini una figura più esperta.

Leggi anche: All or nothing, l’audio shock di Nedved | “Bisogna spaccargli la testa”

Juventus, rispunta il nome di Carnevali

Carnevali ©️Getty Images

Nell’organigramma attuale figurano anche Pavel Nedved, in qualità di vicepresidente, e Maurizio Arrivabene, che ricopre il ruolo di amministratore delegato. Più che una rivoluzione, dunque, sarebbe meglio parlare di “rafforzamento”. Perché a questa triade si aggiungerebbe un quarto, che in questo caso corrisponde al nome di Giovanni Carnevali, attuale amministratore delegato del Sassuolo, già cercato in estate dalla Juventus dopo il divorzio con Paratici.

Come riposta il giornalista sportivo Nicolò Schira su Twitter, sarebbe proprio lui il prescelto per andare a ricoprire questa figura. Una sorta di plenipotenziario che abbia competenza sia amministrative che gestionali. Carnevali, intanto, è ancora sotto contratto con gli emiliani ma difficilmente potrebbe dire no ad una società così importante.