Calciomercato Juventus, via con l’offerta giusta | La lista dei sacrificabili

0
24

Calciomercato Juventus, Allegri ha deciso: con l’offerta giusta possono partite. Pronta la lista dei calciatori sacrificabili.

McKennie ©Lapresse

Con Kulusevski e McKennie si entra in una dimensione diversa secondo la Gazzetta dello Sport. Entrambi godono di una certa considerazione da parte di Allegri, seppur non sufficiente a convincerlo a puntarci con costanza. L’americano ha apprezzate e quasi uniche (in rosa) capacità di inserimento, ma non sempre convince come atteggiamento e continuità. Kulusevski ha grandi doti e possibilità, che finora non è riuscito sempre ad esprimere, anche perché tatticamente si “accoppia” male con Chiesa e Dybala. Entrambi poi sono giovani e hanno potenzialmente mercato: una caratteristica non così comune, fra gli juventini che non sono quelli su cui si è deciso di costruire il futuro. Proprio questa appetibilità li potrebbe portare a essere oggetto di un sacrifico considerato accettabile. Certo, devono arrivare offerte congrue, visto che lo svedese è stato pagato 35 milioni (più 9 di bonus) a gennaio 2020 e il texano riscattato per 18,5 milioni (più 6,5 di bonus) lo scorso marzo.

LEGGI ANCHE: JVL VIDEO | Calciomercato Juventus, “sacrificio” Kulusevski: scambio con l’ex

Calciomercato Juventus, può partite anche Ramsey oltre a Mckennie e Kulusevski

kulusevski ©Lapresse

Per entrambi la chiamata potrebbe arrivare dalla Premier e la certezza è che, se dovesse arrivare, la Juventus perlomeno la considererà. I due hanno rispettivamente 23 e 21 anni e fra qualche anno una loro cessione “precoce” potrebbe essere rimpianta, ma i conti hanno la precedenza e in un mercato depresso le occasioni per incassare non sono molte. Oltre a Mckennie e Kulusevski, c’è anche dell’altro. Un solo giocatore è chiaramente “fuori dal progetto” ed è Aaron Ramsey (parliamo del suo possibile futuro inglese in altre pagine) ma altri potrebbero partire senza creare eccessivi scompensi, e magari aiutando il bilancio bianconero. Questa è l’unica cosa sicura.