Morata ha deciso di andare via | La Juventus cerca il sostituto

0
65

Morata ha raggiunto un’intesa totale con i Barcellona ed ha chiesto alla Juventus di interrompere la sua esperienza in bianconero. Valutazioni in corso.

Il canterano ©Lapresse

Morata ha allargato lo smile. Sì, andrebbe al Barcellona non tanto per disamore verso la Juventus, squadra in cui è tornato con piacere, ma per le prospettive di carriera. Lo spagnolo è quasi sicuro che la Juventus, a fine stagione, non lo riscatterà per 35 milioni dall’Atletico Madrid e per lui questo significherebbe tornare all’Atletico e a Simeone. Un allenatore con cui – ampio eufemismo – non è stato amore a prima vista. Il Barcellona invece gli offre un legame di 18 mesi, da concordare con la Juve – che dovrebbe rinunciare agli ultimi sei mesi di prestito – e con l’Atletico Madrid, proprietario del cartellino. Tutto fatto? Calma.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, da Roma sono sicuri | Colpaccio bianconero all’orizzonte

Morata, addio alla Juventus

l’attaccante spagnolo ©Lapresse

Il calciatore ha un accordo totale con i blaugrana. Ha deciso di andare e aspetta le mosse di Arrivabene. Le possibilità che la Juve trovi un 9 per liberare Morata nell’immediato sono basse. Nessuna trattativa avanzata. Scommessa facile: Alvaro festeggerà Capodanno da juventino. Certo, però, il mercato è lungo – manca un mese – e sa cambiare il cielo in poche ore, con un colpo di vento. Le possibilità del resto non mancano. Mauro Icardi e Edinson Cavani sono due nomi da tener presente. La Juve li apprezza da anni e ha pensato a loro anche recentemente. Ostacoli, ben presenti. Per Icardi, la volontà del Psg di non concedere un prestito senza obbligo di riscatto. Per Cavani, la resistenza dello United e la volontà di Edi, che già in passato ha scelto di non aprire a un trasferimento a Torino. Qualcosa però si è mosso e si potrà muovere. Il canterano e il Barcellona sostanzialmente hanno un accordo su tutto, con una soluzione che porterebbe Alvaro in una “piccola Spagna”: in attacco con Ferran Torres (e Ansu Fati), in squadra con Pedri e Gavi, come in un’ipotetica nazionale del presente e del prossimo futuro.