Calciomercato Juventus, ultim’ora ufficiale: ha firmato fino al 2026

0
239

Calciomercato Juventus, adesso è ufficiale: rinnovo fino al 2026 per la gioia di tutti: i dettagli dell’operazione.

La Juventus si appresta a consolidare un altro dei giocatori in rosa. Trovato l’accordo per il rinnovo fino al 2026 con benestare di tutte le parte in causa.

Calciomercato Juventus, 12 milioni per il bomber: vola in Premier League
Juventus @Lapresse

Adesso è ufficiale e Allegri potrà avere un giovanissimo pronto per fare la differenza. Come comunicato direttamente dal club bianconero adesso il giovane classe 2003, della next gen bianconera, è pronto a lanciarsi definitivamente con la maglia della Juventus, fino al 2026.

Juventus, Mulazzi rinnova fino al 2026

Mulazzi @Lapresse

Il giovane italiano rinnova fino al 2026. La Juventus ha annunciato tramite i propri canali ufficiali, anche social, il rinnovo di contratto per il giovane difensore Gabriele Mulazzi, il classe 2003 che è anche uno dei già titolarissimi della Juventus next gen. Mulazzi ha firmato con i bianconeri un contratto fino al 2026, estendendo l’accordo per tre anni e mezzo a partire da oggi.

Un accordo sentito e voluto dal diretto interessato che adesso si potrà godere questa nuova avventura con la maglia della Juventus. Proprio la squadra di Allegri sta guardando al futuro e già in questa stagione abbiamo visto l’esplosione di alcuni giovani proprio provenienti dal settore giovanile. In specie, hanno saputo mettersi in luce, Miretti e Fagioli, ormai uno degli astri nascenti di questa nuova Juventus. Per continuare su questa scia la squadra di Torino guarda ai prossimi giovani con colpi pianificati e ricercati da tempo. In attesa, inoltre, di capire quale sarà il nuovo assetto tecnico della Juventus, Allegri potrà godersi questa conferma del giovane difensore, pronto, da subito, per arrivare ai piani alti e quindi in prima squadra. Staremo a vedere cosa succederà da qui a giugno, laddove i bianconeri dovranno provare a ritornare sui propri passi, cercando il primato in classifica contro un Napoli tutt’altro che demotivato.