Clamorosa bocciatura in attacco: choc Juventus, Allegri ribalta tutto

0
447

Stasera la sfida che non ammette errori. La partita decisiva per la qualificazione vedrà una, possibile, “rivoluzione” offensiva: i dettagli.

La Juventus adesso si gioca la qualificazione agli ottavi di finale dell’Europa League. La doppia sfida con il Nantes avrà un solo vincitore e si qualificherà la squadra con più sostanza, quella che ricerca proprio la Juventus di Allegri reduce da un pareggio tutt’altro che entusiasmante maturato, proprio, all’Allianz Stadium.

Allegri @Lapresse

Per la partita di Nantes, mister Allegri ha già in mente, possibili, piccole modifiche a livello offensivo per creare una squadra più dinamica e quindi più propensa a giocare nell’area avversaria. Come confermato proprio dal quotidiano sportivo ‘La Gazzetta dello Sport’, Allegri potrebbe “stravolgere” l’attacco.

Nantes-Juventus senza DV9 | Allegri gioca la carta Kean

Sorpresa Pogba, corsa contro il tempo per Chiesa: Nantes-Juventus, le ultime di formazione
Vlahovic – Juvelive.it

Per rendere la squadra più dinamica e, quindi, più propensa a giocare la palla nell’area avversaria, Allegri, come scrivono proprio dal quotidiano sportivo nazionale, potrebbe “rivoluzionare” la rosa titolare giocando dal primo minuto la carta Moise Kean. L’altro classe 2000 ha dimostrato di essere in una buona forma e domani potrebbe giocarsi qualcosa di fondamentale come la permanenza in Europa. Un pass essenziale che i bianconeri non vogliono, di certo, sprecare.

Ecco, quindi, i possibili undici che schiererebbe Allegri, qualora dovesse confermare proprio l’attaccante italiano al posto di Dusan Vlahovic dal primo minuto:

JUVENTUS (3-5-1-1): Szczesny; Danilo, Bremer, Alex Sandro; De Sciglio, Fagioli, Locatelli, Rabiot, Kostic; Di Maria; Kean. Una squadra che ha tutti i giocatori importanti e alcuni recuperi non da poco. Di Maria è il top player nello stato di forma massimale che potrà aiutare molto l’attaccante in area ad arrivare al gol. Kean potrebbe giocarsi la titolarità ma tutto dipenderà, ovviamente, dalle scelte del mister che saranno ponderate proprio al tipo di gara che vorrà adottare la sua Juventus, si pensa, molto più dinamica.