Scambio Haaland-Vlahovic: “Da fare tranquillamente”

0
45

Uno scambio certamente opportuno secondo l’ex. Ecco cosa è stato detto nell’intervista: i dettagli della situazione.

Nell’attesa della sfida di questa sera tra Inter e Juventus, che si prospetta cruciale in ottica scudetto, l’ex portiere Giovanni Galli ha condiviso le sue riflessioni con ‘Tuttosport’. Galli ha sottolineato come il cammino esclusivo della Juventus nelle competizioni europee possa rivelarsi un vantaggio in primavera, senza la distrazione delle coppe europee che spesso richiedono energie fisiche e mentali considerevoli.

Da Haaland a Vlahovic: triangolo esplosivo, l'addio alla Juventus è già scritto
Vlahovic – Juvelive.it

Secondo Galli, la Juventus potrebbe gestire bene anche un pareggio nella partita odierna contro l’Inter, considerando il risparmio di energie in vista delle fasi cruciali della stagione. D’altra parte, una vittoria nerazzurra rappresenterebbe una spallata importante alla lotta per il titolo. In merito a Dusan Vlahovic, Galli ha espresso un pensiero audace e intrigante. L’ex portiere ha ammesso che, se fosse Pep Guardiola, non esiterebbe a scambiare Vlahovic con Erling Haaland.

Galli sicuro: “Fossi in Guardiola non esiterei”

Calciomercato Juve, Zidane ritorna ma non come allenatore: Haaland ‘coinvolto’
Haaland

Questa affermazione potrebbe sorprendere molti, ma Galli sostiene che il talento serbo non abbia nulla da invidiare al norvegese. L’ex giocatore ha sottolineato che, pur giocando in una Juventus che, a differenza del Manchester City, non crea un elevato numero di occasioni a partita, Vlahovic è già a quota 12 gol, dimostrando il suo istinto e la sua capacità di sfruttare le occasioni che gli capitano.

Galli ha concluso la sua riflessione esprimendo il desiderio di vedere Vlahovic in una squadra più offensiva, come il Manchester City, sostenendo che il talento serbo potrebbe raggiungere cifre da capogiro come Haaland. La visione di Galli suggerisce che Vlahovic ha ancora ampi margini di crescita e potrebbe esplodere definitivamente in un contesto più orientato all’attacco. Resta da vedere come il giovane attaccante risponderà a queste aspettative e se la Juventus sarà in grado di sfruttare al massimo il suo potenziale.