Juventus, l’allenatore ha detto basta: “Un fallimento”. Annuncio sul suo futuro

0
30

Juventus, l’allenatore avrebbe detto basta, annuncio sul suo futuro. Ecco i dettagli della situazione del tecnico.

Nel dopo Derby della Mole vinto per 2-0 dall’U19 della Juventus, il tecnico Paolo Montero ha condiviso alcune riflessioni sul risultato e sul suo futuro con la squadra.

Squadra e spogliatoio, tutti contro Allegri: “Li tiene in ostaggio”

È stata una vittoria importante per noi, soprattutto considerando l’importanza del derby,” ha dichiarato Montero. “Alla Juventus mi hanno insegnato che arrivare secondo è un ‘fracaso’, un fallimento. Quindi, ogni vittoria è cruciale per noi, e questa ha un sapore particolarmente dolce.”

Juve, senti mister Montero: “Arrivare secondi è un fallimento”:

Paolo Montero
Paolo Montero (LaPresse) Juvelive.it

Il riferimento di Montero al valore della vittoria e alla mentalità vincente inculcata dalla Juventus riflette l’alto standard che il club si aspetta dai suoi team a tutti i livelli, comprese le formazioni giovanili. Tuttavia, riguardo al suo futuro con la squadra, Montero ha chiarito: “Non abbiamo ancora parlato con la società.” Questa dichiarazione lascia aperte le porte a possibili negoziati o decisioni future riguardanti il suo ruolo nella Juventus.

La vittoria nel Derby della Mole potrebbe aver rafforzato la posizione di Montero all’interno del club, ma il suo destino rimane soggetto a ulteriori discussioni con la dirigenza. Per ora, l’allenatore sembra concentrato sul presente e sulle sfide immediate che la squadra dovrà affrontare. Montero noto per essere stato un difensore molto rispettato dalla community bianconera, dai tifosi ma anche per il suo grande attaccamento alla filosofia bianconera, è uno dei tecnici in questo momento con il DNA Juventus ancora intattato. Proprio nel passato, Montero vinse molto con la maglia bianconera e, adesso, la sua filosofia è trasmessa anche da tecnico. Queste dichiarazioni sono l’evidenza del suo spirito vincente e sulla sua voglia di fare la differenza alla guida della Juventus, la squadra che più l’ha rappresentato nella sua storia calcistica.