Home Tutto della Juventus - News di ultim'ora Tifosi della Juventus a Lione? Il sindaco della città transalpina non ci...

Tifosi della Juventus a Lione? Il sindaco della città transalpina non ci sta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:48

I tifosi della Juventus si recheranno a Lione per il match di Champions League. Ma il sindaco della società transalpina non ci sta.

tifosi juventus
Tifosi Juventus

Saranno 3000 i tifosi della Juventus che si recheranno a Lione per vedere la sfida tra i bianconeri e la squadra francese, valida per gli ottavi di Champions League. Il ministro della salute francese ha dato l’ok al loro arrivo, ma, vista l’emergenza e l’allarme Coronavirus nel Nord Italia, c’è però chi ha storto il naso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Bonucci, Lione Juventus, le parole del difensore in conferenza stampa

Tifosi della Juventus a Lione? Il sindaco della città transalpina non ci sta

Tifosi Juventus

Il riferimento è al sindaco della città transalpina. Queste le sue parole: “Come misura precauzionale, non sono affatto favorevole all’arrivo dei sostenitori italiani per evitare qualsiasi rischio di contagio e l’ho reso noto ai servizi statali. È stato redatto addirittura un comunicato, rivolto ai piani alti del Governo: “In nome del principio di cautela, ma anche della prevenzione di qualsiasi disturbo dell’ordine pubblico, è di concerto che chiediamo alle più alte autorità dello Stato francese di pronunciarsi contro l’arrivo dei sostenitori italiani. Per diversi giorni siamo stati in contatto con la prefettura regionale, ma anche con l’Agenzia Sanitaria Regionale per esprimere le nostre più ferme riserve quando arrivano circa 3000 sostenitori italiani“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Lione Juventus, le parole di Sarri in conferenza stampa

Immediata però è stata la risposta di Veran, ministro della salute francese, che ha ribadito l’intenzione di non bloccare i grandi eventi del Paese: “Dovremmo fermare eventi collettivi? Dovremmo fermare la settimana della moda? Dovremmo fermare le partite, chiudere le università? La risposta è no. Nessun argomento scientifico e medico oggi ci porta a fermare gli eventi collettivi, perché il virus non circola in Francia e perché i casi sono circoscritti in Italia“. Della stessa idea anche il presidente del Lione Aulas: “Penso che sia inutile in un momento di convivialità come questo, creare ulteriori ansie legate al Coronavirus. Se gli scienziati ci forniscono risposte chiare, atteniamoci a queste prese di posizione. Tutti i tifosi del Lione e della Juventus potranno raggiungere lo stadio senza difficoltà“.

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK