Home Tutto della Juventus - News di ultim'ora Coronavirus, la fidanzata di Dybala: “Mio padre è preoccupato”

Coronavirus, la fidanzata di Dybala: “Mio padre è preoccupato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Oriana Sabatini, fidanzata di Paulo Dybala, ha raccontato il modo in cui i due stanno vivendo la positività al Coronavirus.

 fidanzata dybala

Oriana Sabatini è la fidanzata di Paulo Dybala. Entrambi sono risultati positivi al Coronavirus e sono quindi in isolamento. A raccontare la loro situazione è stata la modella argentina in un’intervista rilasciata ai microfoni di ‘Cortá por Lozano’, un programma televisivo in onda nel suo Paese: “Ci hanno consigliato di non vederci, mam dato che io e Paulo abbiamo il Coronavirus, possiamo stare nella stessa stanza. Passiamo le salviette disinfettanti su tutto ciò che tocchiamo, apriamo le finestre e gettiamo via rapidamente la spazzatura”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Ronaldo al lavoro anche in quarantena: “Curare corpo e mente”

Oriana Sabatini fidanzata Dybala: le sue parole

dybala juventus

La ragazza ha poi spiegato l’evoluzione dei sintomi: “Forse i sintomi che avevo non erano i più importanti, come la febbre e la tosse secca. All’inizio avevo la tosse secca, ma poi avevo molto muco. Quindi ho pensato che fosse solo un’influenza. Ha attirato la mia attenzione quando un giorno l’allenamento respiratorio mi è sembrato molto strano, perché mi sono stancata senza fare nulla. Il test? Il tampone è stato fatto perché alcuni compagni di Paulo avevano già il coronavirus. Lo hanno fatto a entrambi e a un suo amico, che è sempre con noi. La sera prima ci hanno dato i risultati, Paulo ha detto che aveva freddo. La cosa strana è che i sintomi ci hanno colpito in momenti diversi. Lui è stato l’ultimo ad averli, un giorno dopo aver effettuato il test, il nono giorno di quarantena”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Rugani, la compagna parla di tampone fatto l’8 marzo. La Juve smentisce

Oriana Sabatini ha infine parlato della preoccupazione del padre: “Mio padre è molto preoccupato. Sapevo già che mi sentivo male, ma non volevo dirlo a lui, perché non sapevo se sarei stata in grado di fare il test. Quindi mi è sembrato inutile preoccuparmi senza poter dare loro risposte. Quando li ho chiamati ho pensato che papà sarebbe morto per un attacco“.

 

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK