Juventus, Chiesa è già leader fuori e dentro il campo: il predestinato

0
227

Juventus, Federico Chiesa è la gioia in mezzo alla – presunta – disgrazia in campionato. Un leader fuori e dentro il campo.

Federico Chiesa, Juventus @Getty

Juventus, Federico Chiesa è ancora giovanissimo, appena 23enne, l’attaccante ha già ampiamente dimostrato di avere i cosiddetti attributi. Le sue parole nel post gara di Verona non hanno una virgola sbagliata, anzi, per i tifosi il giocatore è già un eterno leader. Grinta, tecnica e spirito di sacrificio: tutte qualità degne di far parte della rosa bianconera. Chiesa è arrivato dalla Fiorentina con la voglia di fare la differenza, di sudare per la maglia e non smette mai di ringraziare la Juventus per l’opportunità datagli. Un ragazzo decisamente spontaneo.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, identificato il giovane erede di Dybala

Juventus, Chiesa è già leader fuori e dentro il campo: il predestinato

Juventus, Federico Chiesa @Getty

Non ama la retorica e lo si vede anche nelle dichiarazioni post partita. Intervistato nella gara pareggiata contro il Verona ha subito esordito con “Non ci sono alibi, siamo la Juventus dovevamo vincere”.  Ma la sua schiettezza è anche correlata al suo impegno in campo. In questo momento uno dei pochi in grado di fare la – reale – differenza. Già decisivo in alcune partite e reputato un predestinato campione da tanti esperti del settore, come Fabio Capello, che ormai opinionista fisso di Sky ne tesse le lodi ad ogni dichiarazione, Chiesa sempre avere tutte le caratteristiche per essere un giocatore da Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Fagioli, scatta la sua ora. La Juventus punti sul suo gioiello

Fra i, dunque, possibili momenti negativi che sta vivendo la Juventus in campionato, ancora lontana dalla testa della classifica, Chiesa è un piccolo capolavoro. Un giocatore già importante per il futuro di questa società ma anche della nazionale italiana. Proprio Federico è il primo a non darsi sconfitto, e a crederci ancora: la Juventus deve ancora lottare per lo scudetto, nonostante la distanza di ormai 10 punti dal primato (manca ancora la partita con il Napoli). Decisiva sarà soprattutto la sfida contro il Porto, nel ritorno di Champions dove bisognerà ribaltare a tutti i costi, la sconfitta dell’andata.