Calciomercato Juventus, il vertice decisivo: in ballo c’è il futuro

0
628

Calciomercato Juventus, marzo sarà il mese decisivo per il futuro bianconero. In ballo i rinnovi e possibili ritorni

calciomercato Juventus
Juventus, dirigenza (Getty)

Nei prossimi giorni si deciderà il destino bianconero. In ballo c’è il futuro societario con l’incontro, programmato, tra Andrea Agnelli e John Elkann: il presidente e la proprietà per intenderci. Che metteranno le basi per le prossime stagioni. E non è detto che non ci possano essere delle novità importanti sulla dirigenza. Lo spiega, in esclusiva calciomercato.it.

Il momento non è dei migliori. Dopo il pareggio di Verona qualcosa è iniziato a scricchiolare. La distanza nei confronti dell’Inter capolista è aumentata e questa settimana sarà decisiva per il futuro di Pirlo. Ma anche Paratici, così come gran parte della dirigenza, potrebbe saltare. E all’orizzonte c’è un possibile ritorno.

LEGGI ANCHE: Conte alla Juventus, spunta il clamoroso retroscena

LEGGI ANCHE: Juve-Napoli, incredibile De Laurentiis: la nuova richiesta

Calciomercato Juventus, e se tornasse Marotta?

marotta paratici calciomercato juventus
marotta paratici calciomercato juventus

Appena uscita la notizia di un possibile ritorno dell’ex amministratore delegato, da entrambi le parti sono arrivate smentite. Ma ci sono due questioni in ballo che potrebbero decisamente scoperchiare le carte in tavola. Parliamo in primis della situazione dentro la società nerazzurra, che non è tranquilla e della quale ormai si conosce praticamente tutto. E poi ci potrebbe essere anche un cambio ai vertici del club: con Agnelli che potrebbe passare ad un incarico alla Exor.

Di sviluppi ce ne saranno nel mese di marzo appena iniziato. Quello più importante per iniziare a preparare la prossima stagione, e che deve mettere basi solide, solidissime, per il futuro. In questo momento rischiano tutti dentro il mondo bianconero. Naturale, vista la stagione che sta affrontando la squadra. La sensazione è che potrebbe esserci una vera e propria rivoluzione alla fine dell’anno. Per iniziare un nuovo ciclo vincente, in Italia ma soprattutto in Europa.