Juventus, fallimento Ronaldo? L’analisi di Massimo Caputi

0
235

Juventus, Massimo Caputi è intervenuto dopo la gara di ieri. Ecco il suo commento su Cristiano Ronaldo e in generale sul calcio italiano

Juventus
Massimo Caputi (getty images)

Intervistato in esclusiva da asromalive, Massimo Caputi, noto giornalista sportivo, ha commentato l’eliminazione della Juventus dalla Champions League. In particolare si è soffermato su Cristiano Ronaldo: “Contro il Porto Ronaldo è stato assente, non ha influito: una prestazione incolore come quella dell’andata. Il suo ingaggio da parte della Juventus non può essere definito un fallimento perché con lui i bianconeri hanno comunque vinto dei trofei. In campo internazionale però non ha raggiunto gli obiettivi prefissati, e la Juventus lo aveva ingaggiato proprio per provare a vincere la Champions League“.

Non un fallimento quindi, ma sicuramente un pensiero sul futuro si deve fare. Ronaldo ha un contratto faraonico e già, in casa bianconera, si sta valutando il da farsi per il futuro. Poi, Caputi, è intervenuto in generale sul calcio italiano.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, assalto del Real Madrid agli obiettivi bianconeri

LEGGI ANCHE: Juventus, Pirlo si becca il Tapiro: “Ronaldo per me è sempre da 7”

Juventus, l’analisi di Caputi sul calcio italiano

Calciomercato Juventus
Ronaldo e Szczesny (Getty)

“L’Inter, prima in classifica in Serie A, è stata eliminata dalla Champions League come ultima del girone. La Lazio è praticamente fuori, vediamo cosa faranno Milan e Roma. Forse solo l’Atalanta rappresenta un caso a parte, è la dimostrazione di come si dovrebbe giocare in Europa, con ritmi più alti e pressing continuo”.

Un discorso più ampio che abbraccia tutto il movimento. Non è un caso che in Europa le italiane faticano a dismisura contro squadre che, evidentemente, sono anche più deboli. Rimane il fatto che in questo momento, solamente l’Atalanta in Champions (che però deve ribaltare lo 0-1 dell’andata) e la Roma in Europa League, danno la sensazione di poter proseguire il cammino europeo. Per il Milan, l’ostacolo Manchester United sembra insuperabile.  Un punto su cui riflettere assolutamente.