Calciomercato Juventus, “Pirlo un errore”: arriva la sentenza

0
316

Calciomercato Juventus, arriva la sentenza: “Agnelli deve ammettere che Pirlo è stato un errore”. E per il futuro c’è un tecnico in pole

Juventus
Andrea Pirlo, Juventus (Getty)

Arriva la sentenza. Dettata da Giancarlo Padovan, che intervistato da Radio Punto Nuovo, ha sottolineato come la scelta di Andrea Pirlo “sia stata un errore. E Agnelli lo deve ammettere”. Un opinione palese sulle decisione societarie all’inizio della stagione, che hanno portato in questo campionato all’abdicazione certa dal trono italiano, all’eliminazione dalla Champions League agli ottavi di finale contro un modesto Porto.

”Credo che l’incontro con Allegri non sia stato solamente di piacere” ha rimarcato ancora Padovan. “Hanno parlato anche della panchina. E credo che il cambio, alla fine della stagione, sarà automatico. E ovviamente vedo proprio Allegri in pole” ha spiegato.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, il “consiglio” dell’ex presidente: “Cambia aria”

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, Zidane per il dopo Pirlo: che beffa “Real”

Calciomercato Juventus, la Champions ancora da conquistare

torna allegri juventus
Allegri, Calciomercato (Getty Images)

Ci sarà la volata finale per un posto Champions. Che ancora non è blindato. “E credo che ancora il Napoli non sia fuori dalla corsa. Può davvero dire la sua fino alla fine anche perché ha un calendario migliore. La Juventus deve conquistarlo. E no sarà facile. Al momento vedo l’Atalanta favorita in questa corsa”.

La sentenza di Padovan è arrivata. Una situazione che comunque ormai è chiara. Pirlo non è sicuro del posto per la prossima stagione e potrebbe saltare in ogni caso. Anche nell’eventualità della conquista del posto per la prossima massima competizione europea e della vittoria della Coppa Italia nella finale in programma a maggio contro l’Atalanta a Reggio Emilia. Secondo l’ex direttore di TuttoSport Allegri quindi è l’indiziato numero uno per la successione di Pirlo. E l’incontro “galeotto” con Agnelli ne è la prova.