Juventus, l’annuncio di Gravina: “Sanzioni? Vi dico cosa faremo”

0
288

Juventus, il terremoto della SuperLega spaventa tutti i club che hanno aderito, ci saranno sanzioni? A rispondere ci ha pensato Gravina.

Serie A
Gravina (Getty Images)

Juventus, il terremoto SuperLega già finito dopo il ritiro delle squadre inglesi ha causato un vero e proprio scossone mondiale. Si è discusso fra ieri e oggi anche di una possibilità sanzione per la prossima stagione per tutti i club che hanno deciso di aderire all’iniziativa. Ovviamente guardando alla Serie A, i club incriminati sarebbero Juventus, Milan e Inter. A rispondere a questo quesito ci ha pensato lo stesso presidente Gravina che in un annuncio ha parlato della questione Super League. 

LEGGI ANCHE >>> Juventus Parma, provocazione davanti allo stadio: cosa è successo

Juventus, l’annuncio di Gravina: “Sanzioni? Vi dico cosa faremo”

Super League
Dirigenza Juventus, Andrea Agnelli (Getty)

Il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, è intervenuto per aggiornare proprio sulla questione legata ai club partecipanti alla Super League e se ci fosse o no l’eventualità di squalifica per la prossima stagione di Serie A. Ecco quello che ha detto: “Abbiamo difeso in maniera strenua i confini dei valori e delle regole del mondo del calcio. Mi pare che tutto sia tornato alla normalità, ma ci deve far riflettere sul fatto che qualcosa non funzioni. È uno stimolo servono rimedi e proposte per scongiurare altre fughe in avanti. Non ho in programma incontri con i vertici delle tre società, lunedì ci sarà il consiglio federale ma non sono in programma forme di processi o condanne”.

LEGGI ANCHE >>> Formazioni ufficiali Juventus Parma: le scelte di Pirlo

E proprio sulle possibili sanzione, Gravina ha fatto chiarezza: “No, non si può sanzionare un’idea che non si è concretizzata. Se in futuro dovessero concretizzarsi progetti in contrasto con le norme statutarie valuteranno gli organi di giustizia”.

Nessuna sanzione in arrivo per i tre big club, almeno questo è quello che ha ribadito il presidente Gravina.