Calciomercato Juventus, da Mourinho l’assist ai bianconeri

0
16290

Calciomercato Juventus, l’allenatore portoghese ha rilasciato un’intervista al Times. Le sue parole stanno già facendo discutere

Mourinho (Getty)

Quando parla, non è mai banale. E se poi tratta un argomento come quello del suo futuro, è normale che si scatenino subito polemiche e provocazioni. José Mourinho, esonerato due settimane fa dal Tottenham, adesso è senza panchina. Ma la sensazione è che non ci rimarrà per molto tempo. Intanto, per l’estate, si è trovato un impiego: quello di commentare da editorialista le partite dell’Europeo per il Sun e appunto per il Times.

Ma le parole riportate oggi dal tabloid britannico lasciano spazio aperto a qualunque interpretazione: “Con l’Inter ho vinto tutto – ha detto – e io parlo sempre bene delle squadre dove ho lavorato. Nonostante con loro ci sia un forte legame, sicuramente non ci penserei due volte ad allenare una loro rivale in Serie A. Guardo al mio lavoro in maniera professionale e sto bene così”.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, il futuro passa dalle mosse del Psg

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, il top player sta per firmare: manca solo l’ufficialità

Calciomercato Juventus, Mourinho favorito per la panchina

Allegri (getty images)

Nel contesto delle parole dello Special One (o ex, com’è stato ribattezzato ultimamente in Inghilterra) c’è da segnalare anche che i bookmakers inglesi danno favorito il tecnico sulla panchina della Nazionale portoghese per il futuro. Probabilmente subito dopo l’Europeo, la federazione lusitana deciderà per il cambio. E Mourinho è tra i papabili.

Ma attenzione, perché subito dietro c’è la Juve. Una pista difficile, intendiamoci, ma non trascurabile. A maggior ragione dopo le parole di questa mattina dell’ex Tottenham. Certo, nella sua carriera non ha mai parlato bene della formazione e della società bianconera. E soprattutto, dopo una vittoria inutile del suo Manchester United a Torino, in Champions League, si è messo le mani dietro le orecchio in segno di sfida. Un rapporto con la tifoseria che probabilmente non potrebbe mai lievitare. Certo, anche Allegri iniziò così…