Calciomercato Juventus, l’ultima partita allo Stadium: c’è una novità

0
280

Calciomercato Juventus, questa potrebbe essere l’ultima partita allo Stadium. Novità importanti per il suo futuro.

Juventus
Juventus, squadra @Getty

Calciomercato Juventus, questa potrebbe essere l’ultima partita di Paulo Dybala all’Allianz Stadium. Il futuro della Joya è ancora una grande incognita, nulla si è sbloccato sulla possibile trattativa del rinnovo e il contratto sta andando in scadenza nel 2022. Come sappiamo, il prossimo anno, qualora il fantasista argentino dovesse continuare in bianconero, sarebbe l’ultimo anno dell’attuale contratto che ha proprio scadenza in giugno 2022. E stando alle ultime indiscrezioni, il contratto è ancora in stand by. Un futuro altrove è, per il momento, l’ipotesi più concreta.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, cosa deve succedere per arrivare quarti in classifica

Calciomercato Juventus, l’ultima partita allo Stadium: c’è una novità

Calciomercato Juventus
Dybala / Getty Images

Quella di questa sera, contro l’Inter dell’ex Antonio Conte, potrebbe essere l’ultima partita allo Stadium per Paulo Dybala, il numero 10 della Juventus. Come scrive anche l’edizione di oggi de il ‘Corriere dello Sport’, “Il rinnovo del contratto in scadenza nel giugno 2022 è ancora ad un punto morto”. L’attaccante argentino aspetterà l’ultima partita, la finale di Coppa Italia contro l’Atalanta per decidere sul proprio futuro, se ancora o lontano dalla  Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, ecco la svolta per Aguero e Depay

Se infatti la Juventus non dovesse qualificarsi in Champions League, oggi sarà una partita cruciale in questo senso, per una questione di introiti, la società potrebbe essere costretta a sacrificare qualche prezzo pregiato. L’attaccante argentino potrebbe infatti figurare come tale, necessario, sacrificio. Tutto però, come dicevamo poc’anzi, verrà deciso solo a fine stagione e in base a quanto la Juventus riuscirà a fare. Oggi per quanto sia difficile la qualificazione è ancora possibile, pertanto finché aritmetica non condanna la squadra di Andrea Pirlo ci crederà, fino alla fine appunto.