Calciomercato Juventus, bomba Vlahovic | Ribaltone e incontro decisivo

0
292

Calciomercato Juventus, il futuro del bomber potrà essere deciso a gennaio. Ora Barone e l’agente di Vlahovic si sarebbero incontrati.

Vlahovic, Calciomercato Juventus (Getty)

Calciomercato Juventus, il futuro di Vlahovic sarà deciso in questo mese. Importanti novità sul futuro del bomber serbo vengono riportare su il ‘Corriere Fiorentino’ che ha parlato di un incontro avvenuto ieri mattina tra Joe Barone e Darko Ristic, agente del bomber serbo. Nell’incontro si è parlato dell’eventualità di cedere l’attaccante già nel mercato di gennaio viste le già importanti offerte ricevute dal club fiorentino. Come sappiamo la Juventus è una delle squadre in pole che vorrebbe poter tesserare il giocatore già nella finestra invernale, ma l’attuale situazione del caos plusvalenze potrebbe certamente non facilitare la trattativa soprattutto se dovesse, come sembra, esserci una multa. Nel frattempo l’Arsenal, dall’Inghilterra, avrebbe già alzato l’offerta a più di 80 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, terremoto plusvalenze | Ecco l’esito più probabile dell’inchiesta

Svolta Vlahovic già a gennaio?

Vlahovic, Calciomercato Juventus (Getty)

I dirigenti della viola avrebbero avuto anche contatti con un’altra londinese, il Tottenham di Conte potrebbe farsi sotto per acquistare il bomber e regalerebbe all’ex bianconero un giocatore di rilievo per la sua nuova squadra. Non sono quindi da escludersi eventuali colpi di scena. Ma la Juventus, nonostante tutto, da molti, viene indicata ancora come la possibile favorita per la corsa al bomber, visto anche il patto raggiunto con il procuratore del giocatore. Ma queste offerte estere potrebbero sovrastare anche la presunta stretta di mano.

LEGGI ANCHE >>> Juventus e penalizzazione in classifica | C’è già la data

Come dicevamo poc’anzi non è nemmeno da escludersi una sorpresa finale con un rinnovo di contratto. Ma la verità che le domande dall’estero stuzzicano l’idea di una cessione soprattutto si dovesse superare la domanda iniziale di 50 milioni, cifra che chiedeva direttamente Commisso.